Peer to peer, legale o no

Annullata in Francia una decisione che limitava i poteri delle major musicali, mentre in Finlandia non si può sproteggere, ma si può copiare un contenuto sprotetto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2007]

pirata

Contraddicendo la decisione adottata nel 2005 dalla Commissione Nazionale per Informatica e Libertà, il più alto giudice amministrativo francese ha dichiarato legale il tracciamento automatico di chi scarica illegalmente musica mediante la tecnologia del peer-to-peer, pur confermando che resta vietato l'invio ai navigatori di ogni comunicazione che tenda a "sensibilizzarli" una volta scoperti.

Cardine della sentenza sarebbe la considerazione che il tracciamento non configura un mezzo sproporzionato rispetto alle dimensioni assunte dalla pirateria informatica in Francia.

Ovviamente fanno salti dalla gioia la Sacem (Società Autori Compositori ed Editori Musicali, l'omologa della nostra Siae) e Scpp e Sdrm, organizzazioni private degli autori e compositori variamente articolate sul territorio ma accomunate dagli interessi.

In particolare, al Società Civile dei Produttori Fonografici lamentava che l'interdizione del Cnil, non avendo permesso di portare avanti le azioni di prevenzione e repressione dei fenomeni di pirateria musicale, avrebbe reso la Francia uno dei paesi dove più si sarebbe sviluppata la pirateria informatica e di conseguenza ne sarebbe stato proporzionalmente danneggiato il mercato della musica online. In ogni caso i tecnici ed i programmi di tracciamento sono pronti da tempo, sostengono gli interessati; uomo avvisato...

Rifiutano di farsi "avvisare", invece, i cracker finlandesi. Pare infatti che nel paese dei laghi e delle renne viga una legge per cui sproteggere dal Drm è illegale soltanto quando il sistema costituisce una valida protezione contro la copia.

Perciò, secondo una recente sentenza, da quando sull'internet sono stati diffusi i programmi per aggirare il sistema Css di protezione per Dvd, chi copia non commette più reato perseguibile.

Il divieto di copiare, in sostanza, diverrebbe soltanto un "comando giuridico" in quanto non più assistibile dalla sanzione. Il tribunale è giunto a questa sorprendente e per qualche verso innovativa sentenza sulla base di quanto asseverato da alcuni esperti informatici che hanno non solo confermato la diffusione dei programmi anticopia ma hanno addirittura fatto presente alla corte come alcuni tra i software per masterizzare contengano già incluso una routine per bypassare la protezione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

discutevo giustappunto su un altro forum del fatto che una nota agenzia ( francese credo) ha mandato messaggi di avvertimento su un noto software p2p che si raccomandava che il film xxx era coperto da copyright e che pregava di non scaricarlo più (cosa che poi molti hanno fatto) :roll: deduco che allora nn abbia valore
30-5-2007 13:26

Tanto tu non hai problemi... lo rendi invisibile con i tuoi poteri e tutto è risolto... Già che ci sei, dopo vieni a trovarmi così vedo che hai portato dalla finlandia :wink:
30-5-2007 09:37

E se mi porto dalla Finlandia un disco copiato, che succede alla frontiera italiana se se ne accorgono? Me lo fanno mangiare? Mi fucilano sul posto?
29-5-2007 21:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3160 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics