Il trojan di Gmail

Finge di provenire dalla webmail di Google e si installa sul Pc dell'utente, rubandogli le password bancarie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-10-2007]

gmail

Anche questa settimana Panda Security segnala i virus e i trojan degni di nota per il loro comportamento. Il primo è Nabload.CHW, un trojan che si diffonde attraverso le email, che appaiono come se fossero inviate dal servizio Gmail.

Il testo, in portoghese, cerca di indurre gli utenti a scaricare un nuovo tool antivirus affermando che, in caso contrario, non potranno più utilizzare il loro account di posta. Quando si clicca sul link per il download, il trojan viene copiato sul computer.

Nabload.CHW è studiato per scaricare un trojan bancario che invia un messaggio di posta al suo autore indicando il nome del computer compromesso. Inoltre, controlla gli utenti quando accedono ai servizi di banca online per rubare le password.

Il secondo malware segnalato è Maran.DJ, un trojan che aggiunge alcune password al registro di Windows: in questo modo si attiva ogni volta che il sistema si avvia e modifica i livelli LSP (Layered Service Provider, un sistema di controllo collegato ai servizi di rete) per controllare il traffico di dati in Internet. Grazie ai cambiamenti effettuati, sottrae i dati (nomi degli utenti e altre informazioni private che le vittime registrano nei documenti o sui siti web) leggendo le password.

Segnalato anche il virus Ganensar.A, che raggiunge i computer con l'icona di file di Windows Media. Crea sul sistema numerose copie di se stesso e scarica i file maligni. Questo virus effettua molte modifiche al registro di Windows in modo da funzionare tutte le volte che si inizia una sessione. Inoltre realizza ingressi finalizzati, tra le altre cose, a disabilitare il task manager e il registro editor.

Il virus inserisce anche un'immagine e un testo nella finestra delle proprietà di sistema, informando che il computer è stato infettato. E' altresì in grado di bloccare i programmi con una finestra specifica che disabilita i file di protezione di Windows, sostituendoli con copie di notepad e mantenendo il nome originale. In questo modo, quando si apre un file, si apre anche il notepad. Infine, quando si clicca il tasto "intro", si apre una finestra che mostra un messaggio dell'autore del virus.

L'ultima segnalazione riguarda il virus Mimbot.A, ideato per chiudere la finestra di Windows Messenger e contemporaneamente inviare dei messaggi per ricevere e infettare i file con una copia del virus.

Per creare il messaggio, utilizza frasi in lingue diverse, come per esempio: "Debo utilizar este quadro en msn?", "Was denken Sie an diese?", "que pensez vous" oppure "check it out, i shavedmy head:I".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{EH ?}
"un trojan che aggiunge alcune password al registro di Windows" Aggiunge alcune password in che senso?
9-10-2007 23:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6008 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics