Dieci anni di Winamp, arriva la versione 5.5

AOL festeggia il decimo anniversario del media player con una nuova edizione, già disponibile anche in italiano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-10-2007]

winamp

Era nato nel gennaio 1998 come software per ascoltare gli Mp3, poi si evolse a media player gestendo anche i video, le radio online, un browser integrato e molto altro: di sicuro Winamp è ancora oggi uno dei player multimediali più utilizzati, almeno in ambiente Windows, con oltre sessanta milioni di utenti (secondo quanto dichiarato dal produttore).

Nel decimo anniversario dalla sua nascita, AOL (azienda che acquisì Nullsoft, a sua volta controllata da Time Warner) fa uscire una nuova edizione di Winamp, la 5.5, già disponibile per il download, già localizzata in italiano.

Tra le numerose integrazioni e potenziamenti, vale la pena segnalare l'Interfaccia completamente rielaborata, che permette tra l'altro la gestione delle copertine degli album; il supporto di un maggior numero di dispositivi, a partire dall'iPod; il dispositivo MP3 Surround, che permette agli utenti di ascoltare musica in modalità "full surround"; la funzione di aggiunta automatica dei tag, per aggiornare automaticamente le informazioni di più file contemporaneamente.

E' possibile gestire Winamp direttamente dal browser, grazie a una barra degli strumenti apposita, che consente di controllare direttamente i tasti playback. Da questa barra si accede anche all'instant messenger di AOL (Aim) e agli strumenti di ricerca.

E' stata migliorata la funzione di riproduzione e condivisione di musica e video in remoto, anche tramite telefonino: la nuova versione offre maggiori compatibilità con i cellulari, supporto in remoto per video e accesso tramite consolle di giochi, inclusa la Wii di Nintendo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dario Meoli (ZEUS)

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, quale oggetto Ť peggio smarrire?
Il portafoglio
Lo smartphone

Mostra i risultati (2492 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics