Windows Update, la colpa è dell'utente

Per Microsoft la faccenda dei riavvi misteriosi è chiusa e la colpa non è degli Aggiornamenti Automatici ma degli utenti, che lo sappiano oppure no.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-10-2007]

Foto di Carl Dwyer

Il serial sul funzionamento misterioso di Windows Update, che avrebbe causato il riavvio automatico di diversi Pc nonché l'installazione di aggiornamenti nonostante il volere contrario degli utenti, per Microsoft ha raggiunto la conclusione.

Nell'ultima puntata Microsoft aveva promesso di indagare al fine di cercare il vero colpevole, dopo aver scagionato sulla fiducia gli Aggiornamenti Automatici.

Un aggiornamento sul blog del Microsoft Update Program Team pubblica i risultati delle investigazioni. Il sunto è che, secondo i log ricevuti, il cambiamento delle impostazioni di Aggiornamenti Automatici non è dovuto al rilascio delle patch di ottobre. Anzi, sempre secondo i log, l'opzione "Installa gli aggiornamenti automaticamente" sarebbe stata selezionata prima del rilascio di sicurezza di questo mese.

Aggiornamenti Automatici non ha fatto nulla; quindi, qualora ci si sia ritrovati con le impostazioni cambiate, la colpa deve essere di qualcun altro: l'utente, naturalmente.

Vengono forniti infatti alcuni scenari in cui l'utente può aver modificato le opzioni probabilmente senza rendersene pienamente conto.

Ciò può innanzitutto essere capitato durante l'installazione di Vista, quando sono state selezionate le opzioni raccomandate: tale selezione ha attivato l'aggiornamento automatico come normale default.

Oppure l'utente ha cambiato manualmente l'impostazione dal Pannello di controllo. Questa possibilità fa fare a quanti hanno segnalato il loro problema la figura degli idioti o dei disonesti, ma pazienza.

L'utente ha cambiato le impostazioni dal Centro Sicurezza di Windows. Stessa figura della possibilità precedente.

L'utente ha configurato gli aggiornamenti di Windows affinché fossero scaricati e installati automaticamente dal sito Microsoft Update. Per distrazione, forse.

L'utente ha fatto la stessa scelta della possibiltà precedente, non installando Windows ma un altro prodotto, come Office 2007.

Insomma non si scappa: dev'essere stato l'utente, che questi sappia d'averlo fatto o meno.

Qualora proprio si insista nel dire che, pur non avendo toccato nulla, le impostazioni di Aggiornamenti Automatici sono cambiate, si può segnalare la cosa al solito indirizzo.

Resta una domanda, tra le altre che possono sorgere dopo aver letto la risposta di Microsoft: è davvero così normale che questa situazione di aggiornamenti e riavvii misteriosi si sia presentata per tanti utenti proprio in quest'ultimo periodo mentre prima, negli anni trascorsi dall'uscita di Windows XP, non v'era stata traccia di installazioni indesiderate?

Questi utenti avrebbero quindi cambiato le proprie impostazioni, spesso in stato di stuporosa incoscienza (probabilmente facendo "Wow!" mentre guardavano Vista all'opera) tutti contemporaneamente in queste settimane di ottobre? Sicuri che gli aggiornamenti - silenziosi o meno - non c'entrino niente?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 41)

Mi ha sempre affascinato Dart Vader, ben pi che suo figlio... 8)
29-10-2007 12:31

:P :P Leggi tutto
29-10-2007 11:18

Sbilanciare? Ho soltanto risposto con una battuta a una battuta. 8)
26-10-2007 21:22

:shock: non che ti stai sbilanciando un po' troppo? :wink: Leggi tutto
26-10-2007 18:05

Non la sola: lo fanno tutti gli sviluppatori. :lol:
26-10-2007 16:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne pu fregar di meno.

Mostra i risultati (3069 voti)
Novembre 2019
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Tutti gli Arretrati


web metrics