L'autoradio che si collega all'iPod e alle chiavette Usb

Alpine ha presentato due nuovi "sorgenti" tecnicamente all'avanguardia, per ascoltare Mp3, Wma e Aac anche dall'iPod o da una chiavetta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-01-2008]

alpine

Alpine ha presentato due nuove autoradio (nel gergo Hi-Fi sono dette "sorgenti") innovative, la cui caratteristica principale è di essere compatibili con i più recenti file audio e supporti multimediali; il tutto senza rinunciare alla qualità del suono, al design e alla praticità.

CDE 9882Ri e CDE 9880R, oltre alle funzioni radio e di riproduzione dischi Cd-R/Rw contenenti tutte le tipologie di file (Mp3, Wma e Aac), garantiscono una facile connettibilità a tutti i modelli di iPod esistenti e consentono di utilizzare anche qualsiasi chiave di memoria Usb.

Basta collegare i pen drive nel retro della sorgente, aspettare qualche secondo e l'autoradio riconoscerà automaticamente i file audio contenuti nel supporto. Se viene collegato un iPod, questo viene anche ricaricato durante la riproduzione.

Per quel che riguarda la purezza del suono, la funzione Bass Engine interviene sui suoni bassi e contribuisce a una riproduzione dei file audio in formato compresso che sia il più fedele possibile alla qualità del brano originale.

L'estetica, a detta del produttore, è stata studiata per essere funzionale senza rinunciare al design: si notino la manopola girevole e i grandi pulsanti. L'ampio display permette di visualizzare i titoli dei brani e le cover dei Cd. La funzione di ricerca rapida, inoltre, permette di trovare in pochi secondi la canzone che si desidera, scorrendo gli elenchi di riproduzione, degli artisti o album.

Entrambe le autoradio sono predisposte per il collegamento con i tasti al volante; a tal proposito, Alpine consente di adattare i comandi originali della vettura senza necessariamente doverli sostituire.

Con l'interfaccia KCE 300BT, disponibile separatamente, sarà possibile collegare in modalità Bluetooth anche il proprio cellulare.

Per quanto riguarda i prezzi, CDE 9880R (in colore bronzo e con doppia illuminazione ambra/verde) costa 226,80 euro e il cavo per il collegare alla sorgente tutti i modelli di iPod, da acquistare separatamente, costa 21,60 euro. Il modello CDE 9882Ri (in colore argento e con doppia illuminazione blu/rossa) ha già incluso il cavo per iPod e costa 238,80 euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Ma in realtÓ Ŕ giÓ da qualche anno che Alpine offre modelli predisposti al collegamento dell'iPod e pi¨ recentemente di chiavette USB. Questo Ŕ semplicemente l'ultimo modello del brand japponese, che rimane al giorno d'oggi uno dei rari esempi di produttore specializzato, in questo caso di car-entertainment: va sottolineato che da... Leggi tutto
22-1-2008 18:16

Ah ecco.. perchÚ a dicembre avevo acquistato un'autoradio di altra marca con ingresso chiavetta usb e in grado di accogliere anche le schede di memoria SD... Mancava purtroppo il telecomando per il volante.. ma non si pu˛ avere tutto a prezzi pi¨ bassi... Trovo la possibilitÓ di utilizzare le chiavette usb veramente interessante. Il... Leggi tutto
17-1-2008 15:20

L'autoradio Ŕ una novitÓ, Ŕ stata presentata ieri. Ovviamente la possibilitÓ di attaccarci dispositivi Usb no. Leggi tutto
16-1-2008 17:38

{smart}
L'autoradio che si collega ... chiavetta USB Leggi tutto
16-1-2008 16:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1245 voti)
Ottobre 2020
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Tutti gli Arretrati


web metrics