Microsoft si appella contro la multa miliardaria dell'Ue

Redmond non vuole sborsare gli 899 milioni di euro richiesti dall'Antitrust dell'Unione Europea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-05-2008]

Microsoft si appella contro la super multa Ue

"Siamo ricorsi in appello nello sforzo costruttivo di ottenere chiarezza dalla corte": sono le parole con cui Jack Evans, portavoce di Microsoft, annuncia che l'azienda di Redmond si è rivolta al secondo grado della giustizia europea per protestare contro la multa di 899 milioni di euro inflitta a febbraio.

La questione - per chi l'avesse dimenticata - riguarda la violazione delle norme antitrust e il mancato rispetto da parte di Microsoft dei provvedimenti precedentemente presi contro essa stessa.

L'azienda era stata accusata di non fornire ai produttori di software informazioni sufficienti per poter interoperare con Windows e di pretendere delle royalty troppo alte per svelare i propri segreti. Nel frattempo Microsoft ha abbassato le proprie tariffe per la fornitura delle informazioni per migliorare l'interoperabilità, ma la multa è rimasta.

Ora dunque si passa al prossimo grado di giudizio: Microsoft spera che, a fronte delle proprie dimostrazioni di buona volontà, la multa venga tolta o almeno ridotta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

{kiki}
le multe si pagano senza sconti.Sembra un ragionamento tutto all'italiana.
13-5-2008 09:23

{utente anonimo}
Ma certo!!! Leggi tutto
13-5-2008 01:27

Gli gi andata bene una volta Leggi tutto
12-5-2008 19:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta successo.
Lo faccio abitualmente anche se contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (3606 voti)
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100 per cento e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Tutti gli Arretrati


web metrics