Accordo Usa-Ue per introdurre i brevetti software in Europa

I due soggetti politici stanno discutendo degli accordi commerciali che potrebbero andare contro la decisione presa dal Parlamento tre anni fa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-05-2008]

Accordo Usa-Ue per introdurre i brevetti software

Lunedì 13 maggio i rappresentanti dell'Unione Europea e degli Stati Uniti si sono riuniti a Bruxelles per un incontro del Consiglio Economico Transatlantico (Tec) per migliorare la cooperazione dal punto di vista del commercio tra i due soggetti.

Detta così, sembrerebbe una cosa innocua. Invece, a leggere l'agenda, si scopre che ci si trova di fronte a un nuovo tentativo di introdurre in Europa i brevetti sul software, dopo che nel 2005 il Parlamento Europeo li aveva bocciati.

Nella sezione che riguarda la proprietà intellettuale, infatti, si legge che tra gli obiettivi vi è il miglioramento "dell'efficienza e dell'efficacia del sistema dei brevetti a livello globale per promuovere l'innovazione, l'occupazione e la competitività e la ricerca del progresso nell'armonizzazione di differenti regimi di brevetti".

Fallita la via politica, incassata l'opposizione di membri del Wipo (World Intellectual Property Organization - Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) quali Brasile, India e Cina riguardo a un sistema di brevetti più aggressivo, un accordo commerciale bilaterale tra Europa e Stati Uniti rischia di introdurre anche nel Vecchio Continente la brevettabilità di qualcosa che da tre anni è già stata dichiarata non brevettabile.

La Ffii (Foundation For a Free Information Infrastructure - Fondazione per una Infrastruttura Libera dell'Informazione), che tanto aveva fatto per convincere il Parlamento a rigettare la proposta, è furibonda. Il suo presidente ha dichiarato: "Dal momento che non c'è un diritto sostanziale sui brevetti nell'Unione Europea, è piuttosto sciocco discutere un trattato bilaterale sui brevetti con gli Stati Uniti. E' come un cieco che guida un sordo".

Nel frattempo - dice ancora la Ffii - dovrebbe essere stato formato un Gruppo di Lavoro all'interno del Consiglio dei Ministri Europeo per discutere questa proposta; lo scopo sarebbe la discussione circa quelle leggi sui brevetti americane che non corrispondono agli standard europei.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

magari obbligandoa presentare gente come Cortiana che dopo due legislature, per ringraziamento Ŕ stato completamente dimenticato persino dai suoi ? Vedremo se ci sarÓ qualcuno disposto a correre il rischio :evil: dall'aria che tira... :mrgreen: :mrgreen: Leggi tutto
16-5-2008 16:22

{ice}
siamo alle solite Leggi tutto
16-5-2008 11:52

{Martyn}
mah.... Leggi tutto
16-5-2008 02:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
╚ la solitudine che spinge le persone a usare "pi¨ tecnologia".
╚ l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1339 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics