Microsoft Office supporterà OpenDocument e Pdf

Con il Service Pack 2 tornerà il formato di Adobe e porterà con sé lo standard Iso open source.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2008]

Microsoft Office supporterà OpenDocument e Pdf

Non sempre, quando l'oggetto della discussione è Microsoft, bisogna parlarne male. Pare forse strano, i motivi potranno essere oscuri o dubbi, ma da Redmond arrivano anche buone notizie.

Una di queste buone notizie è che Office 2007 inizierà a supportare il formato open source e standard Iso OpenDocument a partire dal Service Pack 2, che dovrebbe fare la propria comparsa nei primi mesi del 2009. Di più: l'azienda entrerà a far parte del comitato tecnico di Oasis, l'organizzazione creatrice di Odf.

Dopo la lunga lotta e l'opposizione fatta finora - e portata avanti tramite la creazione del formato concorrente Ooxml - non sembra vero che Microsoft voglia promuovere l'interoperabilità in questo modo concreto, come peraltro istituzioni e utenti le richiedono.

Finora chi voleva usare OpenDocument con Office doveva munirsi di un convertitore sviluppato da un partner francese di Microsoft; dall'anno prossimo ciò non sarà più necessario visto che il supporto diventerà nativo, anche il progetto ospitato da SourceForge non morirà.

Difficile che il supporto a Odf (che non sarà il formato di default) sia dettato solo da bontà d'animo; più facile che a spingere al grande passo sia stata l'intezione annunciata da diverse nazioni (tra cui anche l'Italia) e da alcuni stati americani (Massachusetts e California in testa) di adottarlo per i propri documenti.

Le sorprese, comunque, non finiscono qui: anche il formato Pdf, bloccato tempo fa dal veto di Adobe indispettita dall'esistenza di Xps, tornerà in Office grazie al Service Pack 2. Saranno supportate le versioni 1.5 e Pdf/A.

Anche qui, l'intento è probabilmente mettersi alla pari con la suite OpenOffice (che pur mancando delle funzioni avanzate di Microsoft Office esporta in Pdf da una vita) e permettere agli utenti di usare un formato standard de facto - e che probabilmente riceverà il sigillo dell'Iso - senza costringerli ad affidarsi a soluzioni concorrenti.

Quali che siano le motivazioni di Redmond, la notizia resta buona: forse arriverà il momento in cui gli utenti di OpenOffice potranno inviare documenti agli utenti di Microsoft Office senza doverli convertire.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Beh, ma allora bisogna prima che si sia deciso che la soluzione giusta sia quella di dover obbligare la gente a stampare un documento cartaceo in formato A4. Ben bizzarro che si voglia andare verso la così detta digitalizzazione, ma si pretenda di stampare i moduli (proprio qui sta il problema). E ribaltando il problema, ne pongo un... Leggi tutto
28-5-2008 21:22

Questa è una bella cosa, spero funzioni bene! Leggi tutto
26-5-2008 20:56

in attesa del Service Pack che verrà, la Sun ha rilasciato un plugin per salvare in .odf, localizzato anche in Italiano. Leggi tutto
26-5-2008 19:37

Aspetta, qui non si parla di un racconto in cui l'importante è il contenuto, ma di documenti ufficiali. Se dal sito di una PA devo scaricare, ad esempio, il modello per una certificazione, questo deve essere impaginato in un certo modo che seguirà uno standard. In ogni caso se qualcuno decidesse di diffondere documenti in formato... Leggi tutto
26-5-2008 15:21

Tempo fa dovevo madare un'email a dei miei amici, coi quali stavamo organizzando per andare in un posto, e ho elencato un po' di possibili combinazioni metropolitanaa+autobus ecc. ecc. per andarci, segnando anche gli orari degli autobus extraurbani, copiandoli dal sito dell'azienda di trasporto locale. Per una linea l'orario però era... Leggi tutto
26-5-2008 14:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che lavoro fai?
Agente di commercio
Operaio
Personale medico
Dirigente - Funzionario
Libero professionista
Forze Armate / Guardia / Vigile
Insegnante
Pensionato
Studente
In cerca di occupazione
Casalinga
Commerciante
Imprenditore
Artigiano
Ecclesiastico
Impiegato

Mostra i risultati (4439 voti)
Aprile 2021
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 aprile


web metrics