Google Mail ricorda agli utenti distratti di inviare l'allegato

Numerose nuove funzionalità sono disponibili in beta in Gmail: oltre al reminder per gli allegati citati nel testo e non inviati, c'è il "reply to all" settato come default, la possibilità di quotare solo una parte del testo e molto altro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-09-2008]

Gmail Labs allegati dimenticati

Di tanto in tanto Google aggiunge funzioni a Gmail tramite il menu Labs accessibile dalle impostazioni, ma solo se si usa la versione in inglese del servizio di posta.

Ultimamente sono apparse diverse nuove caratteristiche che migliorano e semplificano l'uso della posta sul web e si aggiungono a quelle a suo tempo già segnalate.

Quante volte, per esempio, si prepara un'email con l'intenzione di allegarvi un documento e poi la si spedisce dimenticando l'allegato? Bene, questo non accadrà più, perché sarà lo stesso Gmail a ricordarci la dimenticanza.

Non siamo ancora ai livelli di lettura nel pensiero, ma poco ci manca. Infatti, grazie al Forgotten Attachment Detector, Gmail analizza il testo e si accorge delle nostre intenzioni, mostrando un avviso qualora ritenga che ci siamo dimenticati qualcosa.

A dire la verità, non sempre Google riesce a cogliere le intenzioni del mittente: la funzione è attiva solo per la lingua inglese, ma bisognerà accontentarsi.

Altre funzioni utili comprendono l'aggiunta del pulsante Segna come letto al menu (fondamentale per risparmiare un paio di click), la possibilità di impostare Rispondi a tutti come default e quella di nascondere il conto delle mail ancora da leggere (per evitare che l'utente cada in depressione quando il numero supera le tre cifre).

Altre modifiche riguardano l'organizzazione dell'interfaccia: si potranno riorganizzare gli elementi della barra di navigazione semplicemente trascinandoli, nonché aggiungere colori personalizzati alle etichette colorate.

Resta da segnalare ancora la possibità di citare il testo selezionato quando si risponde a un messaggio e quella che permette di specificare il giorno d'inizio e di fine del periodo in cui si vuole attivare il risponditore automatico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Quoto al 100% ciò che hai detto adler, la cortesia è più corretta delle imposizioni. Leggi tutto
10-10-2008 14:51

:P Pregasi leggere questa netiquette link Ritengo più corretto scrivere in calce "Si rimane in attesa di cortese segno di ricezione" che imporre al sistema di mandarle indiscriminatamente Adler :roll: Leggi tutto
10-10-2008 01:23

In effetti anche io, è uno dei (pochi) errori che faccio molto raramente. Perché di solito se mando un'email con degli allegati, l'email la creo apposta per mandarli, per cui appena aperto il nuovo messaggio aggiungo gli allegati, e poi scrivo il testo di ... accompagnamento. (detesto invece quando ricevo da altri email vuote con solo... Leggi tutto
19-9-2008 15:52

Io uso moltissimo G-Mail è comodo, gli allegati li spedisco tranquillamente e i destinatari li ricevono sempre. Ora, vista la novità non so che dire in proposito dato che non dimentico quasi mai di allegare, quando capiterà vi dirò. Questa nuova funzione potrà andar bene per chi è distratto e ce ne sono tanti, quante volte ho dovuto... Leggi tutto
19-9-2008 15:18

Confermo che Lotus è altamente configurabile (lo uso in ufficio, email aziendale) e si può decidere a priori il comportamento del client. E anche di inibire la modifica di tale comportamento da parte dell'utente. Diciamo che è una funzione che a qualcuno potrebbe far comodo. La conferma del recapito in mailbox, peraltro, potrebbe... Leggi tutto
19-9-2008 13:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 settembre


web metrics