Basta spot con Jerry Seinfeld e Bill Gates

Mentre tutti si aspettavano una terza puntata, Microsoft fa sapere che ulteriori pubblicità non sono previste, né lo erano mai state.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-09-2008]

Bill Gates Jerry Seinfeld basta spot Microsoft

Non ci sarà un seguito per gli spot di Microsoft che hanno visto protagonisti Bill Gates e Jerry Seinfeld: a confermarlo è la società stessa, che sostiene di averlo deciso già prima di dare il via alla campagna.

Vista l'accoglienza quantomeno fredda - se non apertamente ostile - ottenuta dalle due pubblicità andate in onda e considerando che da quanto abbiamo sempre visto e saputo la cosa sarebbe andata per le lunghe, non sembra che Microsoft la stia raccontando giusta.

In teoria, la marcia di avvicinamento alla menzione dei prodotti di Microsoft (mancante nei due spot trasmessi) avrebbe dovuto essere graduale e - si presumeva - prevedere altre puntate. Invece tutto finisce qui e non è ancora chiaro che cosa seguirà. Facile pensare, a questo punto, che a Redmond abbiano deciso di fermarsi prima di fare altri danni.

Frank Shaw, di Waggener Edstrom (agenzia di PR di cui si serve Microsoft) ha commentato dicendo che "la gente sarebbe stata più contenta se a tutti fossero piaciute le pubblicità, ma ciò non era inatteso". Shaw ha anche lasciato una porta aperta: c'è "il potenziale di fare altre cose" con Jerry Seinfeld.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

suspense........ :lol:
18-9-2008 23:46

E ora chi ci spiega i significati dei primi due?
18-9-2008 22:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2517 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics