Motorola allarga il team Android

Il gruppo di sviluppo dell'azienda americana passerà da 50 a 350 persone: i concorrenti di G1 stanno arrivando.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-09-2008]

Motorola gruppo sviluppo Android da 50 a 350 perso

Android, il sistema operativo aperto per smartphone realizzato da Google, è una piattaforma: sembra una banalità, ma nell'entusiasmo seguito all'apparizione di T-Mobile G1 sembra che un po' tutti se ne siano dimenticati.

Invece, numerosi produttori di telefonini e numerosi carrier telefonici hanno già annunciato il loro ingresso nell'arena con prodotti basati su Android o l'impiego di maggiori risorse nello sviluppo: prima Samsung, poi Verizon e Nokia (nonostante la recente acquisizione di Symbian, pare che la società finlandese non voglia precludersi alcuna possibilità) e infine Motorola.

L'azienda americana, membro della Open Handset Alliance fin dalla fondazione, ha attualmente 50 persone impegnate a lavorare su Android. Ora pare che voglia portare questo numero fino a 350, secondo quanto ha dichiarato uno sviluppatore che sarebbe stato contattato da Motorola per entrare nel team.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Mmm ... non so ma sempre quando vedo tutta sta agitazine attorno ad una piattaforma aperta ho l'impressione che qualcuno voglia attaccarci il cappello
29-9-2008 19:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2443 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics