Steve Ballmer: "Non c'entro nulla con la pubblicità ingannevole"

I Pc venduti con l'adesivo "Vista Capable" potevano far girare solo la versione Basic del sistema: gli utenti si sentono presi in giro e vogliono la testa di Ballmer, che però sostiene di non saperne niente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2008]

Steve Ballmer pubblicità ingannevole Vista Capable

Nell'aprile del 2006, quasi un anno prima che iniziassero le vendite di Windows Vista, Microsoft già rilasciava gli adesivi del programma Windows Vista Capable perché venissero applicati sui computer di quel tempo, assicurando che le loro risorse sarebbero state sufficienti per far funzionare il nuovo sistema operativo.

In realtà, i computer con l'adesivo Capable erano in grado di far girare solo la versione Basic, quella senza le funzioni avanzate e l'interfaccia Aero, che rende almeno graziosa per gli occhi la dolorosa convivenza con Vista.

Per poter sfruttare tutte le funzionalità, invece, gli utenti avrebbero dovuto indirizzarsi verso un più costoso e dotato Pc con l'adesivo Windows Vista Premiun Ready Pc, come spiegato da Microsoft sul proprio sito nel maggio del 2006.

Sfortunatamente, di rado gli acquirenti di computer prestano attenzione a queste sottigliezze e coloro che avevano comprato un Vista Capable Pc erano erroneamente convinti di poter installare anche la versione Ultimate del sistema di Microsoft.

Sentendosi dunque presi in giro, gli utenti americani hanno deciso, nell'aprile del 2007, di denunciare Microsoft per pubblicità ingannevole.

La storia si è trascinata fino a oggi: l'accusa vorrebbe che Steve Ballmer in persona, Ceo di Microsoft, facesse la propria deposizione, probabilmente per poterselo poi mangiare vivo: chi, più dell'amministratore delegato, avrà la responsabilità di quanto accaduto?

Ballmer, però, che di grane derivanti da Vista ne ha già a sufficienza, sostiene di essere del tutto estraneo alla faccenda: il programma Vista Capable è una questione di marketing, e lui non si occupa di marketing.

Bisognerebbe invece - suggerisce il boss di Redmond - rivolgersi ai pensionati Jim Allchin e Will Poole, che al tempo erano direttamente coinvolti e dai quali ha ottenute le scarse informazioni che ha mai avuto in merito.

Steva Ballmer ha dichiarato sotto giuramento di non aver mai avuto alcuna conoscenza né ruolo nelle decisioni prese da Allchin e Poole, ai quali bisogna rivolgersi per avere chiarezza e dei quali soltanto si può chiedere la testa.

Gli utenti che si sono sentiti truffati da Microsoft hanno davanti a sé ancora una lunga strada.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1444 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics