Disegno di legge Carlucci contro l'anonimato su Internet

Il ddl 2195 di Gabriella Carlucci vuole abolire l'anonimato in Rete ed estendere ai contenuti presenti le norme sulla stampa per il reato di diffamazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-02-2009]

gabriella carlucci

Evidentemente a Roma non hanno niente di meglio da fare che cercare di imbavagliare Internet o, se la cosa si mostra troppo difficile per via di ovvie questioni tecniche, almeno fare in modo che chiunque sia rintracciabile e oscurabile a piacere.

L'ultima, brillante, inflessibile e fumosa - e pertanto pericolosa - idea si trova nel disegno di legge 2195 proposto da Gabriella Carlucci con il nobile scopo di "assicurare la tutela della legalità nella rete Internet".

La pubblicazione ufficiale del testo deve ancora avvenire ma alcune parti - in particolare il secondo articolo - stanno già circolando e ricevendo parecchia attenzione.

Il primo comma sembra esplicito: "È fatto divieto di effettuare o agevolare l'immissione nella rete di contenuti in qualsiasi forma (testuale, sonora, audiovisiva e informatica, ivi comprese le banche dati) in maniera anonima".

Benissimo: quindi bisogna firmare tutto con nome e cognome? Serve una foto? Sono banditi i nickname? Oppure già adesso l'anonimato in pratica non esiste - visto che i provider sono in grado di risalire con una certa sicurezza, grazie ai dati contenuti nei log (indirizzi Ip, orari e via di seguito), agli autori di determinati contenuti - e dunque questo comma è inutile?

Ai gestori dei sistemi di anonimizzazione, come Tor o Freenet, converrà forse tenere pronte le valigie, considerato che la loro attività potrebbe agevolare l'immissione di contenuti in forma anonima?

L'inizio, insomma, è pessimo. Il comma sembra esplicito ma in realtà lascia ampio spazio alle interpretazioni e quindi alla possibilità di piegare la legge a piacimento.

Il secondo comma rasenta il delirio di onnipotenza, andando a minacciare anche chi stia fuori dall'Italia: "I soggetti che, anche in concorso con altri operatori non presenti sul territorio italiano, ovvero non identificati o indentificabilì, rendano possibili i comportamenti di cui al comma 1. sono da ritenersi responsabili - in solido con coloro che hanno effettuato le pubblicazioni anonime - di ogni e qualsiasi reato, danno o violazione amministrativa cagionati ai danni di terzi o dello Stato".

Chi siano questi soggetti non è chiaro. Forse già quelli che ammettono interventi senza un'identificazione preventiva - ma conservano gli indirizzi Ip - oppure quelli che nemmeno si danno pena di registrare gli indirizzi Ip contravvenendo tra l'altro a una norma europea non ancora in vigore o magari ancora i poveri gestori di Tor, bersagliati da destra e da manca.

Né, d'altra parte, i provider sono attrezzati per identificare ogni singolo atto di ogni singolo utente relativamente ad ogni singolo servizio usato e neppure è chiaro se, con questo Ddl, sia sufficiente l'Ip per identificare i "rei".

Dato che al peggio non c'è limite, ecco il terzo comma, più lungo dei precedenti e del seguente, che però si comprende rapidamente leggendo anche solo la prima riga: "Per quanto riguarda i reati dì diffamazione si applicano, senza alcuna eccezione, tutte le norme relative alla Stampa".

Pericolosissimo: il blog personale letto da tre amici e dieci visitatori occasionali diventa esattamente uguale al Corriere della Sera, il sito con le foto della famiglia è equiparabile alla Repubblica, chi si infiamma sul forum dell'Olimpo Informatico - oltre a evocare un moderatore - rischia una bella denuncia per diffamazione, in quanto tutto è "pubblicazione", qualora lo sciagurato Ddl incassi l'approvazione di chi di dovere.

Che bello, però! Ogni webmaster, gestisse anche solo il sito della polisportiva locale, potrà farsi chiamare Direttore responsabile. Forse sarebbe convenuto chiedere un parere ai giudici inglesi che si occupano del caso di Royd Tolkien.

Lodevole certamente il fatto che all'onorevole Carlucci - o a chi per lei ha realizzato la proposta - sia sorto un dubbio, sempre all'inteno del comma 3: "Qualora insormontabili problemi tecnici rendano impossibile l'applicazione di determinate misure, in particolare relativamente al diritto di replica, il Comitato per la tutela della legalità nella rete Internet (di cui al successivo articolo 3 della presente legge) potrà essere incaricato dalla Magistratura competente di valutare caso per caso quali misure possano essere attuate per dare comunque attuazione a quanto previsto dalle norme vigenti".

Il dubbio si traduce facilmente così: qualora qualcuno si accorga che stiamo ordinando l'impossibile, sarà affare del giudice inventarsi qualcosa di plausibile da far fare al Comitato per la tutela della legalità (un nome che solo a sentirlo fa venire l'orticaria), visto che comunque il già esistente reato di diffamazione prevede conseguenze precise.

Infine, il quarto comma: "In relazione alle violazioni concernenti norme a tutela del Diritto d'Autore, dei Diritti Connessi e dei Sistemi ad Accesso Condizionato si applicano, senza alcuna eccezione le norme previste dalla Legge 633/41 e successive modificazioni".

Cioè in pratica il Ddl 2195 sta dicendo che alle violazioni del copyright si applica la legge sulle violazioni del copyright. Inutile, ma inoppugnabile.

Il lato positivo è che se c'era il sospetto che l'onorevole Carlucci - e buona parte dei suoi colleghi - legiferassero su cose che non conoscono, ora esso è caduto, trasformandosi in certezza.

Comprendere la complessità della Rete e la quantità di soggetti coinvolti richiede fatica e un po' di umilità, mentre bollare Internet come "selvaggia terra di nessuno" per la presenza di gruppi dalla mentalità criminale su Facebook (ignorando tutto il resto) è molto più semplice e forse fa anche sentire più buoni.

In realtà, forse, un'idea buona c'era, almeno in origine: la proposta di abolire l'anonimato potrebbe sottintendere l'idea che sono i singoli utenti a essere responsabili delle proprie azioni e non - per esempio - i provider, come di tanto in tanto si vuole credere. Peccato che sia stata prontamente sommersa dalle inqualificabili proposte presenti nel Ddl 2195.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 55)

Ok, però non è che uno si immagina una cosa del genere! Anche perchè qui la carlucci ha fatto veramente una cosa scandalosa: in pratica la legge contro l'anonimato in rete viene spacciata per una legge contro la pedofilia ma in realtà e pro siae e pro case discografiche & co; la cosa è intuibile leggendo i meta del doc: UNIVIDEO in... Leggi tutto
10-3-2009 21:44

E già un miracolo che si fermino a pensare a quello che stann facendo e dicendo. Con gente che come i polipi riusciva a pigiare contemporanemanete 10 tasti di altrettanti colleghi assenti in aula per le votazioni parlamentari di leggi che nessuno leggeva , cosa ti aspetti che comprendano cose ar-cane. A roma ar cane al max gli tiri... Leggi tutto
9-3-2009 22:36

Finito ora di vedere il video... Alla fine a parte Di Pietro per il lato dei politici gli altri hanno fatto poco più che giri di parole. In generale mi pare di capire che viene fuori l'idea di aggiungere qualche norma per arrivare a colpire direttamente l'autore del reato senza "distruggere" l'intermediario. Sarebbe stato bello... Leggi tutto
9-3-2009 22:22

Ho trovato questo simpatico articolo sull'espresso con un bellissimo video in cui vengono discusse le idee della carlucci e del d'alia... Mi pare che non lo abbia ancora segnalato nessuno. Internet, contro la nuova legge Tratto da l'espresso Chissà perchè il d'alia non è voluto andare... mah!? Il video è molto interessante anche se un... Leggi tutto
9-3-2009 21:36

Commentiamo tutti insieme sul blog della carlucci la sua proposta? Iniziamo a farci sentire tutti insieme? Leggete e divertitevi: Pedofilia e internet Tratto dal blog della carlucci Facciamo capire a tutti loro che sono solo dei buffoni? Leggetevi anche i due documenti word che la sciura ha postato Siamo liberi e dobbiamo restarli! Leggi tutto
4-3-2009 01:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (1527 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics