Wind rimborserà 130.000 utenti Infostrada per 50 milioni

Ma chi vorrà il risarcimento dovrà richiederlo personalmente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2009]

Wind rimborso 130.000 utenti 50 milioni di euro

Bisogna stare attenti a mantenere ciò che si promette: lo sa bene Wind che dovrà risarcire gli utenti ingannati da una pubblicità del 2001.

A quel tempo Infostrada non era ancora parte di Wind e pubblicizzava l'offerta Solo Infostrada, che a parole avrebbe consentito agli utenti di non pagare più il canone Telecom.

Invece, coloro che a suo tempo avevano aderito hanno continuato a pagarlo e, comprensibilmente, si sono sentiti raggirati.

Così il Movimento Consumatori ha intentato una causa contro Wind, nuova padrona di Infostrada, vincendo in primo grado nel 2006 e ora anche in appello.

Sfortunatamente, visto che in Italia ancora non sono possibili le class action, "questa sentenza non ordina a Wind di rimborsare gli utenti, ma spiega che hanno diritto al rimborso" come ha sottolineato la Corte d'Appello di Torino.

Wind potrebbe ora risarcire spontaneamente gli utenti oppure, qualora questo non succeda, dovranno essere i singoli a esigere il rimborso; in questo saranno però facilitati dalla sentenza appena emessa, che li alleggerisce l'onere di dover provare l'illecito da parte della società.

Secondo il Movimento Consumatori sono più di 130.000 gli utenti che avrebbero diritto a un rimborso, calcolato dunque in circa 50 milioni di euro.

Secondo Wind, invece, "ormai solo alcune decine di utenti sono coinvolti". Se qualcuno pensa di avere diritto al rimborso, quindi, farà bene a muoversi in prima persona.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Non lo sapevo interessante :roll: be per quanto sia criticabile il comportamente e ti do piena ragione almeno all'epoca i servizi funzionavano e lo schifo era solo dietro a livello finanziario... ora anche per gli utenti Imho :) Leggi tutto
18-3-2009 21:28

Purtroppo (o meglio, per fortuna per loro) in Zimbawe ciò non avviene, non a caso sono avanti a noi anche nella classifica per la libertà di stampa (se non ricordo male)... :cry: Certo che queste continue sentenze "zoppe" lanciano un doppio allarme: da un lato, è allarmante l'ennesima dimostrazione della totale mancanza della... Leggi tutto
18-3-2009 12:19

beh, non ci crederai, ma viceversa fu la Olivetti a comprarsi la Telecom ... o meglio, fu un certo Colaninno "padre" a raggranellare prestiti da mezzo mondo che con la tecnica non c'entrava nulla, comprare quote in una finanziaria fastasma chiamata Olimpia, che tramite partecipazioni incrociate controllava Telecom ... poi... Leggi tutto
18-3-2009 03:29

Rimpiango la prima infostrada della omnitel Leggi tutto
18-3-2009 02:09

{Yargo}
ovvio aboliscono le class action... Leggi tutto
17-3-2009 21:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1525 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics