Il ritorno di Wolfenstein 3D

Lo sparatutto in prima persona ritorna dopo 17 anni, in un'edizione apposita per l'iPhone.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-04-2009]

id Software rilascia Wolfenstein 3D per iPhone

Wolfenstein 3D, uno dei primi videogiochi Fps (First Person Shooter), arriva su iPhone per mano di uno degli sviluppatori della versione originale, John Carmack, e del team di id Software.

Carmakc ha ripreso parte del codice usato 17 anni fa - diventato open source da tempo - e l'ha combinato con quello che costituisce Wolf3D Redux, portando il tutto sul telefonino di Apple.

Il gioco costa 4,99 dollari e l'unico punto debole pare essere costituito dal framerate, che si pone a un livello leggermente inferiore all'ideale. Il codice sorgente è liberamente distribuito.

Chi è alla ricerca di un buon sparatutto per il proprio iPhone ma soprattutto i nostalgici del predecessore di Doom probabilmente non resisteranno alla tentazione di spendere meno di cinque dollari per poter rigiocare a Wolfenstein.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Non hai torto. Per fortuna il porting per Nintendo DS esiste già ed è gratis. In più l'autore del port lo sta rifacendo dinuovo, e sta venendo proprio bene :) Leggi tutto
21-5-2009 10:05

Io non riesco proprio a capire come mai per un codice open source liberamanente disponibile, devo pagare 5 dollari per installarlo sul idiotPhone! :grrr: Per fortuna io non possiedo idiotPhone :viva: E magari su un altro smartphone riuscierei anche a giocarci a velocità maggiori :prrr:
1-4-2009 13:40

e bravo John Carmack!! Io ho riesumato Wolfenstein usando Dosbox e funziona perfettamente. Direi ancora giocabilissimo
1-4-2009 09:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2506 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 febbraio


web metrics