Udine, infermiera "tagga" i pazienti su Facebook

La donna aveva caricato su Facebook le foto dei pazienti del reparto rianimazione: le immagini erano visibili a chiunque. Dura la reazione dell'ospedale universitario di Udine.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-05-2009]

Foto pazienti rianimazione Facebook ospedale Udine

L'altra volta era toccato a MySpace; ora è Facebook a ospitare le foto dei pazienti di un ospedale ripresi senza il loro consenso. E non si tratta di una struttura straniera: la vicenda è accaduta a Udine.

Qualche tempo fa un gruppo di medici e infermieri dell'ospedale Santa Maria della Misericordia, durante una pausa, ha scattato delle foto-ricordo. In seguito una delle infermiere ha pensato bene di condividere le immagini tramite Facebook, caricandole sul proprio profilo.

Il problema è che in quelle fotografie, scattate nel reparto di rianimazione, sono visibili anche i pazienti intubati, i quali ovviamente non hanno dato alcun consenso alla pubblicazione delle immagini.

L'indagine interna ha portato, quale conseguenza immediata, al divieto per tutti i dipendenti dell'ospedale di accedere a Facebook; quanto alla diretta responsabile, rischia di essere accusata non solo di violazione della legge sulla privacy ma anche delle norme sulla protezione dei dati personali, dei regolamenti interni e del codice deontologico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, niente foto negli ospedali

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Buongiorno Pierpaolo, è sempre un piacere parlare di cose che appassionano. Spero che la mia non venga letta come polemica, ma solo come sano scambio di opinioni. Ma andiamo con ordine Bah, una legge è sinonimo di democrazia. Essa implica sicuramente standard minimi sotto i quali è vietato andare, alta probabilità di diffusione della... Leggi tutto
18-5-2009 17:59

{utente anonimo}
siii, la conosco : persona eccezzionale per il suo egocentrismo.
18-5-2009 15:33

Il problema è proprio questo. Quello che a me infastidisce è proprio la leggerezza con cui la gente usa la tecnologia (in questo caso è internet+fb ma ci sono situazioni di uso improprio anche di altre cose). Finchè le cose che combini riguardano solo te, bene ma quando anche gli altri ci finiscono in mezzo senza volere allora la cosa... Leggi tutto
16-5-2009 02:29

Sono d'accordo. Ormai con i cellulari tutti fanno foto con una facilità disarmante. Non penso proprio che l'infermiera abbia volutamente scattare una foto del genere, né tantomeno si può affermare che fare una foto (qualche secondo), equivalga a "battere la fiacca". In un reparto di rianimazione le cose sono piuttosto... Leggi tutto
15-5-2009 21:31

Questo tuo post dimostra che non conosci il lavoro all'interno di un ospedale, tantomeno in un reparto di rianimazione. Avere un paziente in rianimazione vuol dire che questo paziente e si al limite delle funzioni vitali normali, ma non che cambia in meglio il suo stato se stiamo intorno ad alitarci in quattro. Il letto della... Leggi tutto
15-5-2009 21:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2210 voti)
Aprile 2021
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 aprile


web metrics