L'auto intelligente che si parcheggia da sola

L'automobile intelligente sceglie i percorsi migliori, evita gli incidenti ed è sempre rintracciabile dalla centrale operativa. Gli automobilisti si preparino a salutare la privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-05-2009]

Auto intelligente Helmond Olanda Cvis Safespot

Alla fine farà a meno anche dell'autista ma inizialmente si limiterà a togliergli la privacy. L'oggetto è la cosiddetta "auto intelligente" che dovrebbe debuttare tra il 2015 e il 2020.

A lavorarci sono i ricercatori di Helmond, in Olanda, in quella che è ritenuta "la Silicon Valley europea"; grazie a 80 milioni di euro in finanziamenti comunitari hanno avviato due progetti sulla sicurezza stradale: Safespot e Cvis.

Safespot, coordinato dal Centro Ricerche Fiat, consiste nella realizzazione di una rete wireless per mettere in collegamento le automobili tra loro e con le infrastrutture nel corto raggio (fino a un massimo di 400 metri) mentre Cvis si occuperà delle comunicazioni a lungo raggio e del software.

Nascerà anche una centrale operativa alla quale confluiranno i dati sulle condizioni della viabilità; in base a queste informazioni la centrale potrà suggerire i percorsi migliori alle singole auto.

Queste saranno equipaggiate con un indispensabile navigatore satellitare: potranno adeguare il proprio percorso in base ai dati sul traffico, incontreranno sempre semafori verdi (regolati in maniera ottimale dalla centrale), suggeriranno all'autista la velocità di crociera più adatta, troveranno il parcheggio libero più vicino e grazie a dei sensori permetteranno di evitare gli urti con pedoni, ciclisti e altre auto.

Non dovrebbe costare molto di più di un'auto tradizionale: "Si tratterà di montare sulle macchine solo poche componenti in più" spiega Roberto Brignolo, del Centro Ricerche Fiat.

Quanto i primi prototipi saranno pronti, alcune città faranno da scenario per i progetti pilota "e poi speriamo che il resto dell'Europa ci segua" conclude Brignolo.

Così si realizzerà il sogno - o l'incubo - della cybermobile, sempre rintracciabile e costantemente monitorata, ma solo per la sicurezza e la comodità dei propri utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da BMW l'auto che si cerca il parcheggio da sola

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

:lol: :lol: :lol: io sono una di queste. magari sto cinque/sei manovre per parcheggiarla per benino, a cinque centimetri dal marciapiede e parallela bene... e poi quando torno a prenderla mi trovo un suv incollato davanti e un ducato appizzato dietro. Leggi tutto
21-5-2009 18:30

Ma poi ... st'auto intelligente che si parcheggia da sola ... si sparcheggia anche da sola o tocca farlo al pilota? No perchŔ, conosco gente che magari ci potrebbe morire in quel parcheggio se le misure erano un p˛ troppo precise ... :roll:
21-5-2009 14:14

ma l'auto intelligente che si parcheggia da sola... ce l'ha nel portabagli il mitra che spara al cretino che ti si incolla dietro ogni volta che tenti di decelerare per provare ad infilarti in un parcheggio? ci vorrebbe proprio questa funzione. di serie.
21-5-2009 13:36

{marilyn}
ma non sarÓ che con tutta questa tecnologia intelligente che ci circonda rischiamo di dimenticare la nostra intelligenza e farla arrugginire?
20-5-2009 16:11

Questa sarebbe feramente una feature interessante ... possono metterla nel pacchetto gold. Un paio di mesi fa su Le Scienze c'era un articolo che parlava di sistemi automatici per la guida assistita (come ottimizzare la velocitÓ, individuare ostacoli e cose simili) Leggi tutto
19-5-2009 22:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1435 voti)
Febbraio 2020
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics