L'auto che vola decollerà nel 2011

Conclusa la prima fase, Terrafugia si prepara al "beta testing" di Transition: entro un paio d'anni sarà immessa sul mercato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2009]

Terrafugia Transition auto che vola 2011

Terrafugia, l'azienda costruttrice di Transition, l'auto che vola, ha completato la prima fase del progetto ed è pronta a lanciarsi nella realizzazione di una versione "beta" del velivolo, ossia un nuovo prototipo basato sulle conoscenze acquisite finora e l'esperienza derivata dai testo compiuti con il primo esemplare.

A metà strada tra un piccolo aeroplano e un'automobile, Transition necessita per decollare e atterrare di un piccolo aeroporto; quando è a terra, in mezzo un minuto può ripiegare le ali e diventare una normale auto a benzina verde che può essere parcheggiata nel garage di casa.

Dopo aver compiuto 28 voli di prova (con il colonnello dell'aviazione americana Bill Meteer quale pilota), Transition è pronta a cedere il passo a un nuovo prototipo.

La strada verso la creazione di un veicolo utilizzabile da chiunque (a patto che possieda una licenza di volo) si è rivelata più lunga e costellata di difficoltà rispetto a quanto i progettisti avevano inizialmente immaginato.

Secondo le stime iniziali, il 2009 avrebbe dovuto segnare l'immissione sul mercato dei primi modelli commerciali; le previsioni attuali parlano invece del 2011 quale anno in cui sarà possibile acquistare le prime "auto volanti".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Si', e se tu fossi nato nel 1800 avresti detto la stessa cosa del treno... "Troppo costoso, preferisco andare a cavallo o a piedi!"
10-6-2009 20:49

Tanto avrà prezzi inaccessibili per i comuni mortali... Preferisco prendere metro, treno ed autobus...
10-6-2009 19:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2145 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics