Sorpresa: anche il Dna si può falsificare

Fabbricare in laboratorio prove false per il test del Dna è facile ed economico: lo dimostra un team di ricercatori israeliani.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-08-2009]

Fabbricare false prove del Dna Frumkin Nucleix

Se c'è un sistema che - almeno secondo l'opinione pubblica - può provare la colpevolezza o l'innocenza di un sospettato è la cosiddetta prova del Dna.

La presenza di campioni di Dna di una data persona sulla scena di un crimine collegano detta persona a quanto avvenuto in quel luogo senza possibilità di errore o falsificazione. Questo, almeno, era quello che si pensava finora.

Il dottor Frumkin - fondatore della Nucleix, una società con sede a Tel Aviv - ha scoperto e mostrato come sia invece relativamente facile falsificare una prova del Dna, sostituendo al materiale genetico originale quello di un'altra persona.

Frumkin ha ideato due diverse tecniche. La prima prevede l'uso di un piccolo campione (proveniente magari da un capello, o anche da un mozzicone di sigaretta) del Dna che si vuole sostituire a quello originale.

Per provare l'efficacia di questo sistema, i ricercatori israeliani hanno preso un campione di sangue appartenente a una donna, hanno rimosso i leucociti (che contengono il Dna) con una centrifuga e poi hanno aggiunto il Dna proveniente dal capello di un uomo, ottenuto con una tecnica standard chiamata amplificazione genomica.

Poi hanno inviato il campione alterato a un laboratorio americano che si occupa di analisi forense, che l'ha analizzato normalmente e riconosciuto come appartenente all'uomo.

L'altra tecnica è anche più inquietante, perché non necessita del Dna di una terza persona: è in grado di ricrearlo usando i profili del Dna contenuti nei database delle forze dell'ordine, basati sulla collezione di frammenti di Dna.

Una collezione di 425 diversi frammenti di Dna - dicono gli scienziati - è sufficiente per ricreare qualunque profilo.

Questa scoperta ha immediatamente scatenato la preoccupazione di chi si occupa dell'identificazione delle persone tramite Dna.

"È più facile porre su una scena del crimine del Dna che non delle impronte digitali" ha detto Tania Simoncelli, consigliere scientifico dell'associazione American Civil Liberties Union, preoccupata del fatto che "stiamo creando un sistema giudiziario che si affida sempre più a queste tecnologia".

Anche l'Italia, recentemente, ha deciso di dotarsi di un database nazionale del Dna: l'ha istituito la legge numero 85/2009 approvata dal Parlamento lo scorso 30 giugno.

La normativa sta tra l'altro facendo discutere gli esperti di legge per le lacune che presenterebbe: pare che non includa indicazioni per la custodia dei campioni biologici (al fine di evitare contaminazioni o sostituzione) né sulle autorizzazioni da possedere per consultare il database.

A fronte di tutto ciò le scoperte del dottor Frumkin destano ancora maggiori preoccupazioni. A mitigarle ci sono due considerazioni: la prima è quella enunciata da John M. Butler, del National Institue of Standards and Technology americano il quale, seppure impressionato "dall'abilità nel creare falsi profili di Dna" non crede che "il criminale medio sia in grado di farlo".

L'altra viene da Frumkin stesso. I campioni fasulli presentano, in quanto amplificati, un'unica differenza rispetto a quelli autentici: mancano di una modifica chimica chiamata metilazione.

Facendo quindi ulteriori test - lunghi e laboriosi, ma standard - è ancora possibile identificare i campioni manomessi, almeno finché anche questo ostacolo non sarà superato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
DNA storage, Microsoft mette 1 miliardo di Terabyte in 1 grammo

Commenti all'articolo (4)

Le tracce di DNA in loco (sulla scena) vanno sempre valutate con attenzione. In un servizio, credo delle Iene, di qualche anno fa, erano state prese le lenzuola di camere d'albergo appena ritirate dal lavaggio: c'erano ancora tracce di DNA riconducibili ai clienti anche di settimane prima. Quindi il DNA ha un valore discutibile nello... Leggi tutto
14-6-2016 11:25

Il fatto che si potesse eseguire la sostituzione fisica del campione di DNA era noto da tempo, ovvero far apparire il dna di altri su una scena ponendo artificiosamente dei campioni. Problema sempre presente in tutti i reparti di indagine scientifica che infatti meticolosamente cercano le tecniche di rilevamento prove maggiormente... Leggi tutto
31-8-2009 13:29

vieni condannato all'ergastolo per un capello.........e se hai la sfortuna di trovarti in uno degli States,dove vige la pena capitale,ci rimetti la pellaccia .L'unica cosa bona è la ricercatrice che speriamo non falsifichi niente! :ballo: Leggi tutto
29-8-2009 20:49

Quel che mi preoccupa di quello scritto nell'articolo è questo: E bravi, ovviamente in piena estate! :twisted: :twisted: :twisted: Unendo questo stupenda notizia con quel che dicono questi ricercatori, ora sì che siamo in buone mani! Leggi tutto
28-8-2009 15:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2817 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics