Bug in Chrome mette in pericolo l'anonimato

Il browser di Google non è in grado di usare correttamente servizi anonimizzanti come Tor e Privoxy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-12-2009]

Bug in Google Chrome anonimato Tor Privoxy

Chi tiene al proprio anonimato in rete e usa Google Chrome (nonostante le due cose sembrino escludersi a vicenda sin dal principio) faccia attenzione al bug recentemente scoperto nell'ultima versione stabile, la 3.0.195.33: pare che, dopotutto, la navigazione anonima tramite proxy non sia poi così anonima.

Gli utenti che usano servizi come Tor e Privoxy lo fanno perché credono che tutte le richieste inviate dal browser passino attraverso i proxy o siano redirette dagli onion router, rendendo così più difficile rintracciare la loro sorgente; a causa del bug in Chrome, invece, le richieste Dns avvengono direttamente, senza passare dagli "intermediari", vanificando il tentativo di anonimato.

Le cause del bug non sono ancora chiare: c'è chi incolpa le funzionalità di Dns prefetching e chi sostiene che i problemi si presentano anche quando questo servizio è disabilitato.

Un portavoce di Google ha rassicurato gli utenti, dicendo che gli sviluppatori stanno già indagando, sebbene il problema "riguardi un numero molto piccolo di persone che usano servizi anonimizzanti come Tor".

In ogni caso è lo stesso progetto Tor a consigliare Firefox quale browser d'elezioni, magari in accoppiata con l'estensione Torbutton che ne semplifica l'uso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

In effetti, non si pu˛ che quotare. Leggi tutto
15-12-2009 22:20

Google??? Privacy??? :lol: :lol: :lol: It is not a bug it is a feature!
15-12-2009 14:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali vantaggi ti motivano a investire in prodotti per la smart home?
Prepararsi per quando si arriva a casa dal lavoro
Sicurezza per la casa
Essere pronto ad andare a letto (temperatura, illuminazione, chiusura delle tapparelle)
Intrattenimento accessibile
Cura dei miei parenti anziani

Mostra i risultati (493 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics