La guerra della banda larga: Telecom contro tutti

Wind, Fastweb e Vodafone si alleano per realizzare una rete a fibre ottiche alternativa a Telecom Italia. Che non sta a guardare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2010]

Ha contribuito l'Authority a far compiere il grande passo a Wind, Vodafone e Fastweb. L'ultima manovra dell'Autorità, giustificata dall'onerosità della manutenzione della vecchia rete in rame, aumenta infatti le tariffe per il passaggio sulla rete Telecom.

Questa è un'autentica mazzata per i bilanci degli altri carrier, che vengono messi di fronte a un bivio da cui dipende la loro stessa possibilità di sopravvivenza e crescita.

Wind, Fastweb e Vodafone hanno rotto ogni indugio; hanno messo da parte la loro normale rivalità, hanno scelto di indebitarsi ancora (e non poco) per realizzare una rete in fibre ottiche che copra i Comuni con popolazione superiore ai 50.000 abitanti: praticamente quasi tutti i capoluoghi di provincia.

Anche se un eventuale sostegno governativo sarebbe gradito, i tre operatori pensano piuttosto a sinergie con soggetti come Poste e Ferrovie e soprattutto agli enti locali come Comuni e Provincie, più generosi e lungimiranti dello Stato centrale in fatto di banda larga. Oltretutto, non vogliono più attendere le lentezze dei tavoli di confronto promossi dalla stessa Authority per una rete unica, da realizzare con la stessa Telecom Italia.

In un primo momento Bernabè - l'amministratore delegato di Telecom Italia - ha fatto loro gli auguri. Poi ci ha ripensato e si è dichiarato disponibile a essere anche lui della partita, ma con altre priorità: cablare Milano in vista dell'Expo, proprio quella Milano dove Telecom ha perso più clienti ed è più in difficoltà rispetto a Fastweb, che lì è nata e si è sviluppata.

In questo modo, Telecom ribadisce la sua volontà di sfruttare il più a lungo possibile il vantaggio di possedere la rete di cui si devono servire anche i suoi concorrenti e perciò maggiori e migliori clienti.

Telecom però vuole intervenire sulla fibra ottica non in modo diffuso, ma concentrando gli investimenti nelle aree a maggiore redditività, soprattutto le grandi metropoli e il Nord d'Italia.

Paradossalmente, l'ex monopolista è meno interessata a una logica di "servizio universale" e sembra convertita alla logica del business più dei suoi concorrenti, nati in ambito esclusivamente privato.

Per questo motivo, i quattro gestori telefonici difficilmente troveranno un accordo, a meno che non lo imponga una politica dirigista, che pure sarebbe legittimata in questo momento di fortissima crisi finanziaria e occupazionale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

:lol: :old: Leggi tutto
20-8-2010 16:35

Insomma... vero solo in parte. E' un po' come la storia dell'uovo e della gallina. Perché è anche vero che una classe dirigente che segue solo e sempre i "bassi istinti" del vulgus e rinuncia in partenza a qualsiasi proposito di educazione e crescita, ma anzi specula sopra questi "bassi istinti" pensando solo a... Leggi tutto
10-5-2010 11:31

{john}
L'aumento delle tariffe all'ingrosso non è una mazzata perchè è banale, considerando quanto si paga in altri paesi europei. Gli operatori alternativi - tutti - possono permettersi di tutto, da tariffe stracciate a recriminazioni assurde. Sono dei lanzichenecchi, nulla di piu', e presuntuosi peraltro. La presunzione dei nuovi ricchi. ... Leggi tutto
10-5-2010 11:12

Nella logica delle economia di mercato, si proprina al consumatore ciò che esso desidera, per cui sei gradisce tette e culi piuttosto che libri e paesaggi, non può essere colpa di chi propina questi programmi nazional-popolari, se i gusti della maggioranza sono composti da dei bifolchi ( nome antico dei somari da traino) :twisted: ... Leggi tutto
10-5-2010 09:34

Purtroppo in assenza di un governo che pensa al futuro del proprio Paese queste cose sono inevitabili. Però siamo i primi nel digitale terrestre (tecnologia che avrà ancora un paio di anni vita), quindi tette e culi assicurati per un po' di tempo. Leggi tutto
10-5-2010 08:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone più remote.
Il Governo riuscirà a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di più per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverà il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3409 voti)
Settembre 2021
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 settembre


web metrics