Esuberi Telecom, raggiunto l'accordo

Telecom Italia e i sindacati concludono un accordo per gestire gli esuberi ma non sono chiari i costi per lo Stato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-08-2010]

Dopo una trattativa fiume durata 30 ore, Telecom Italia e Cgil, Cisl e Uil, con la mediazione di Sacconi e Romani, hanno sottoscritto un accordo per gestire gli esuberi in Telecom e SSC (la software house del gruppo con 2.300 dipendenti).

Telecom Italia ha accettato la condizione posta dai sindacati, cioè che per più di 3.000 persone vicine alla pensione non ci sia alcun obbligo di accedere alla mobilità di accompagnamento, ma che questa rimanga una scelta facoltativa. Inoltre Telecom non esternalizzerà i call center (servizi 187 e 191) come aveva minacciato di fare in mancanza di accordo.

In compenso il sindacato ha accettato la chiusura di 21 sedi provinciali, il cui personale non sarà trasferito se accetterà il telelavoro. Inoltre il personale del 1254/centralini già in contratto di solidarietà si vedrà prorogato il contratto di solidarietà per ulteriori 24 mesi ma con il fine di riqualificare il personale per altre collocazioni.

Anche in SSC verrà applicato il contratto di solidarietà per evitare 450 licenziamenti e così 1.300 persone delle aree di staff verranno riqualificate usufruendo di ammortizzatori sociali.

Si tratta di un accordo con luci e ombre. Ricordiamo che Telecom è un'azienda con più di un miliardo e mezzo di utili, destinati a crescere con il prossimo aumento del canone (anche per gli altri gestori) già richiesto all'Agcom.

Telecom non licenzia ma accolla una parte notevole di costi sull'Inps, poiché le parti sociali, a differenza delle banche e di Poste Italiane, hanno omesso negli anni scorsi di creare un fondo di solidarietà autofinanziato da azienda e lavoratori per gestire queste situazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{utente anonimo}
Innanzitutto grazie per la risposta. L'accordo che prevede la chiusura delle sedi del 187 e' stato firmato a luglio del 2009; in questo caso il nuovo accordo di agosto 2010 "elimina" quello fatto a luglio 2009 ??? Nella nostra sede, "raschiando il barile" delle mobilita'del triennio 2010-2012 rimarrebbero 26-27... Leggi tutto
13-8-2010 22:30

Nell'accordo è scritto chiaramente che fino al termine del 2012 non ci saranno mobilità collettive se non volontarie e quindi hanno ragione i sindacalisti a sostenere che non dovrebbero esserci trasferimenti coatti dalle piccole sedi ma è scritto anche ci saranno riconversioni dalle Customer Operations verso la Rete e quindi le piccole... Leggi tutto
13-8-2010 15:22

{utente anonimo}
telelavoro oppure no? Leggi tutto
12-8-2010 21:01

{Valter}
l'INPS, anni fà si è fagocitata il ns fondo telefonici, pesantemente in attivo (sia noi che l'azienda versavamo dippiù degli altri) ed a noi è pure diminuito il trattamento pensionistico, in pratica rubandoci quello che avevamo versato in +. Ora capisco a cosa possa servire....... Un dipendente.....
6-8-2010 10:10

Infatti è una delle ragioni per cui l'inps e la previdenza sociale in italia vanno male.. Leggi tutto
6-8-2010 02:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (787 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics