Aruba, il giorno dopo

Niente arrosto, solo fumo: l'incendio è stato estinto ma il fumo ha impedito la ripartenza immediata dei server. Tecnici al lavoro nel weekend.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-04-2011]

aruba server farm incendio down blackout

Ieri sera è arrivato in redazione il comunicato stampa ufficiale di Aruba, che riportiamo integralmente qui sotto.

Arezzo, 29 aprile 2011

Stamane alle h. 04:30, un corto circuito avvenuto all'interno degli armadi batterie a servizio dei sistemi UPS della Server Farm aretina di Aruba ha causato un principio di incendio: è immediatamente entrato in funzione il sistema di rilevamento incendi che in sequenza spegne il condizionamento e attiva il sistema di estinzione.

Poiché il fumo sprigionato dalla combustione della plastica delle batterie ha invaso completamente i locali della struttura, il sistema ha interpretato la persistenza di fumo come una prosecuzione dell'incendio e ha tolto automaticamente l'energia elettrica.

Confermiamo che nessun danno è stato arrecato ai server e agli storage che ospitano i contenuti dei nostri clienti e alle persone presenti in azienda. Non si è verificata alcuna perdita di dati.

L'azienda ha prontamente risposto all'evento in collaborazione con i vigili del fuoco di Arezzo, che ringraziamo vivamente, ma e' stato possibile accedere ai locali solo dopo due ore dall'estinzione dell'incendio a causa del fumo presente.

Solo a questo punto il nostro personale tecnico ha potuto attivare la prevista procedura di emergenza che ha consentito il ripristino in breve tempo dell'alimentazione di due delle tre sale server del data center: precisamente, alle h.10:30 la prima sala server è tornata attiva, la seconda è stata rimessa in funzione attorno a mezzogiorno.

Alle h.15:30 è stata ripristinata l'alimentazione completa dell'intera server farm.

Oltre cento persone hanno lavorato per ridurre al minimo il disservizio.

Allo stato attuale risultano da completare i lavori di sostituzione di tutte le batterie (oltre 1200) e di tutti gli UPS con sistemi di altra marca. Queste attività proseguiranno ininterrottamente per tutto il weekend.

I tecnici della società Eaton, fornitrice dei gruppi UPS, delle relative batterie e del servizio di manutenzione, stanno svolgendo le indagini necessarie ad individuare l'esatta causa del guasto.

Inoltre, nonostante sia consuetudine installare le batterie all'interno del data center, per evitare il ripetersi di quanto accaduto, da oggi le batterie del data center di Arezzo e di tutti gli altri data center del Gruppo Aruba saranno installate in appositi locali, esterni e separati dalla struttura principale.

I nostri clienti sono stati costantemente aggiornati sull'evoluzione della situazione attraverso il nostro sito di assistenza, la nostra pagina su Facebook e su Twitter.

Aruba ringrazia i fornitori e i dipendenti per la loro collaborazione ed il lavoro svolto oggi; ringrazia poi in particolare i clienti per la comprensione dimostrata e le numerose testimonianze di fiducia e supporto ricevute.

Aruba si scusa per il disagio arrecato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 38)

Ho letto tutta la discussione, anche io quoto in sintesi quello che ha detto freemind, non si può pretendere a un costo basso tutti i servizi del mondo, il disaster recovery e il back up giornaliero se li vuoi e ti servono si pagano. Personalmente pur non facendo direttamente siti web anche se voglio imparare credo da esperienze di... Leggi tutto
2-5-2011 19:12

Lo hai detto tu: valgono per quello che costano. Ma io aggiungo: loro offron oun servizio che costa x e da li non vanno oltre. Se uno vuole più sicurezza/prestazioni/etc... cambia isp ma spende anche di più.
2-5-2011 15:50

Onestamente mi sto chiedendo se qualcuno di voi usa veramente aruba come provider, tutti i miei clienti di fascia bassa che hanno siti su server aruba, si trovano almeno una volta all'anno i siti con la homepage bucata. Puntuale la mail di aruba che si scusa e specifica quale buco sia stato chiuso... Diciamo che non è sto gran provider,... Leggi tutto
2-5-2011 15:05

Assolutamente d'accordo, l'ingegneria del software non è soggettiva, ci sono le pratiche di testing e i metodi di sviluppo, oltre ai diversi cicli di vita del software e le differenti metodologie di sviluppo. Secondo me però non è questione di concorrenza sleale, se io faccio un programma per qualcuno che ha scarse pretese, perchè non... Leggi tutto
2-5-2011 13:08

L'ingegneria del software non è soggettiva, esistono delle pratiche da seguire per lo più ignote a chi si affaccia al mondo dello sviluppo software da non professionista. Le specifiche derivate dai requisiti dell'utente valgono come contratto. Tu mi dici qual è il tuo problema, io traccio delle specifiche che poi l'utente deve... Leggi tutto
2-5-2011 12:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2218 voti)
Febbraio 2024
Il caso delle telecamere di sicurezza che lasciano sbirciare nelle case altrui
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 febbraio


web metrics