Alla berlina su Facebook gli utenti di un sito a luci rosse

Hacker sottraggono i dati di accesso a un sito per adulti e li usano per fare login sul social network, imbarazzando gli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-06-2011]

Porn Password

l gruppo di hacker LulzSec, reso noto dalle attività contro Sony, ha messo a segno un nuovo colpo riuscendo a sottrarre i dati di login appartenenti a quasi 26.000 utenti del sito a luci rosse Pron.

Dopo aver compromesso il sito, LulzSec ha scoperto che diversi utenti avevano indicato come loro email di riferimento indirizzi relativi ai domini usati dai funzionari del governo e dell'esercito americani (.mil e .gov).

Come se ciò non fosse abbastanza imbarazzante, gli hacker hanno pubblicato i dati ottenuti, invitando i propri follower di Twitter a utilizzarli per fare login su Facebook (dato che probabilmente gli utenti avranno adottato le stesse credenziali per entrambi i siti) e rendere pubblica ad amici e parenti la passione per la pornografia degli utenti di Pron.

Il divertimento, peraltro illegale in molti stati, non è però durato molto: Facebook è già intervenuta per resettare le password di tutti gli account coinvolti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, arriva l'assistente virtuale che protegge dalle gaffe

Commenti all'articolo (5)

:D :lol: :lol: Ma apparte questo io non vedo lo scandalo, il porno piace/incuriosisce tutti, chi per curiosità o oltro non ne ha mai visto uno? Non capisco tanto gli scopi di questi gruppi di craker piuttosto, probabilmente goliardate così, per noia e siti (pure di multinazionali) che cadono come grissini. Internet non sarà il... Leggi tutto
14-6-2011 13:32

se è quello che penso io ... che c'è di strano? La"donnina" non era una dipendente dell'ente pubblico medesimo? Quindi "ragioni d'ufficio"! O no? :old: Leggi tutto
14-6-2011 11:04

Mi ricordano certi politici nostrani, che chiamavano certe donnine (e variazioni sul tema) col cellulare del comune o della regione. :lol:
13-6-2011 19:13

Meno male che te hai capito tutto. Leggi tutto
13-6-2011 18:23

{utente anonimo}
.gov e .mil?Cioè DIPENDENTI PUBBLICI pagati con le tasse dei contribuenti americani che passano il loro tempo a far su e giù col dindolo e a menar ca*ate su feisbuc? Restituiscano i dollaroni ai pagatasse a stellestrisce!! è il minimo!
13-6-2011 17:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (364 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics