Batteri (quasi) marziani nel deserto di Atacama

Il luogo più inospitale e marziano della Terra ospita forme di vita in profondità: su Marte potrebbe essere lo stesso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2012]

batteri atacama cile marte
Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita.

Ci può essere vita, sotto forma di batteri, su Marte? Per avere la risposta direttamente dal Pianeta Rosso occorrerà aspettare la conclusione della missione Curiosity, ma una piccola speranza può già formarsi ora.

Il deserto di Atacama, in Cile, è considerato una delle zone più inospitali del nostro pianeta (e uno dei più aridi, con meno di 0,1 millimetri di pioggia all'anno), tanto da essere considerato simile all'ambiente marziano.

Ebbene, proprio lì, a una profondità tra 2 e i 3 metri, alcuni ricercatori del Centro di Astrobiologia di Madrid hanno scovato una «oasi microbica».

«L'abbiamo chiamata "oasi microbica"» - ha spiegato Victor Parro, coordinatore dello studio - «perché abbiamo trovato dei microrganismi che si riproducevano in un habitat ricco di salgemma e altri composti altamente igroscopici (anidrite e perclorato) che assorbono l'acqua».

La scoperta è stata resa possibile grazie a SOLID, un rilevatore di segni di vita che si progetta di utilizzare proprio su Marte: l'utilizzo nel deserto cileno è stata dunque una sorta di "prova generale".

Sondaggio
Trovata l'acqua su Marte. E la vita? Secondo te su Marte...
C'è stata vita, sotto forma di batteri.
C'è stata vita intelligente.
C'è vita, ma solo unicellulare.
Non c'è mai stata alcuna forma di vita.
Ci sono impianti e costruzioni aliene.
Nessuna delle risposte precedenti è corretta.

Mostra i risultati (3715 voti)
Leggi i commenti (29)

Così sono stati trovati batteri e archeobatteri nel sottosuolo: «Se ci sono microbi simili su Marte in luoghi che hanno condizioni simili a quelle di Atacama, potremmo rilevarli con strumenti come SOLID» ha spiegato ancora Parro.

«L'elevata concentrazione di sale» - chiarisce Parro riferendosi alla possibilità di trovare microbi nei depositi salini marziani - «ha un duplice effetto: assorbe l'acqua tra i cristalli e abbassa il punto di congelamento, in modo che possano esserci film sottili di acqua salata a temperature di parecchi gradi sotto zero, fino a meno 20°C».

Ma quand'anche non si trovassero microbi, ci sarebbe sempre la possibilità di trovare le tracce fossili del loro passaggio quando ancora su Marte c'erano condizioni che permettevano loro di vivere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3160 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics