Chiude call center Atesia, 600 in cassa integrazione

Il gruppo AlmavivA chiude il call center Atesia di Roma e mette in cassa integrazione più di 600 operatori. L'attività trasferita al Sud.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-09-2012]

almaviva

AlmavivA Contact chiude la sede del call center Atesia di via Lamaro a Roma.

E' stato uno dei primi call center italiani a far parlare molto di sé, in seguito alle lotte dei suoi giovani precari per la stabilizzazione del posto di lavoro: grazie a queste venne emanata la famosa "circolare Damiano" che proibiva l'uso del contratto di collaborazione per le attività cosidette inbound. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual č secondo te il problema principale dei call center?
Tempi di attesa troppo lunghi
Mancanza di coordinamento tra settore tecnico e amministrativo
Personale scortese
Personale incapace
Personale capace, ma non addestrato adeguatamente

Mostra i risultati (3215 voti)
Leggi i commenti (15)
I 632 lavoratori sono stati collocati in cassa integrazione e per questo è già stata proclamata una giornata di sciopero con mobilitazione.

Le attività svolte dal call center per importanti aziende come Wind e Mediaset verranno trasferite nella sede calabrese di Rende, dove l'azienda gode di contributi regionali e può applicare agli addetti un inquadramento inferiore grazie ad accordi locali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

Che salto nel tempo! Ho lavorato lė pių di dieci anni fa e all'epoca eravamo costretti ad aprire una partita Iva altrimenti ti buttavano fuori. Per guadagnare si e no 400.000 lire al mese, quando ci si riusciva.... :shock: Poi ho lasciato perchč era pių la spesa che il guadagno: dovevo andare dall'altra parte di Roma. Forse nel... Leggi tutto
9-9-2012 18:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'aggravarsi del tasso di inquinamento atmosferico fa assumere alle amministrazioni comunali la decisione di bloccare la circolazione delle auto. Cosa ne pensi?
Era ora: si tratta di una misura necessaria e urgente.
I blocchi del traffico sono inutili e peggiorano la vita delle persone.
Sono d'accordo, ma i provvedimenti dovrebbero essere pių incisivi (o addirittura permanenti).
Sarei d'accordo solo se prima venissero potenziati i trasporti pubblici.
Non so.

Mostra i risultati (1046 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics