BitTorrent, utenti spiati mentre scaricano

Ogni download è monitorato da almeno 10 società: basta scaricare un film famoso per essere identificati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2012]

bittorrent utenti monitorati

Che la Rete fosse affollata di soggetti interessati a sapere quanti sono i pirati, chi sono e che cosa scaricano era una notizia di dominio pubblico, ma finora non era nota la portata del fenomeno.

A gettare luce sulla questione è uno studio condotto presso l'Università di Birmingham (e disponibile in formato PDF), secondo il quale chi scarica tramite BitTorrent i file in quel momento più popolari viene individuato entro tre ore.

I ricercatori hanno infatti tenuto sotto controllo i 100 contenuti più popolari condivisi tramite il famoso protocollo e scoperto che vi sono diverse società attive nel monitorare tramite appositi software quanti li stanno scaricando: su ogni utente che scarica vigilano almeno 10 organizzazioni.

Si tratta di soggetti in parte riconducibili ai detentori del copyright e in parte società terze che agiscono per conto di non meglio identificati clienti.

Per venire individuati non è necessario scaricare grandi quantità di materiale: è sufficiente effettuare il download di un solo film per lasciare tracce sufficienti a far risalire i curiosi all'indirizzo IP da cui è pervenuta la richiesta; né sono completamente efficaci le blocklist che dovrebbero impedire la connessione a quegli indirizzi adoperati dai detentori dei diritti d'autore.

Certamente un indirizzo IP non identifica automaticamente la persona, e anche un'eventuale associazione con l'intestatario di un abbonamento con un ISP richiede l'intervento di un giudice.

Sondaggio
Che cosa scarichi pių spesso da Internet?
Musica / video musicali
Programmi Tv (telefilm ecc.)
Film
Podcast
Software
Ebook

Mostra i risultati (2180 voti)
Leggi i commenti (11)

Però è interessante e preoccupante vedere che ci sono tante organizzazioni interessati e seguire i "pirati".

«Questo lavoro» - spiega il dottor Tom Chothia, uno degli autori - «rivela le proporzioni reali del monitoraggio dei condivisori di file illegali. Pressoché chiunque condivida film e brani musicali popolari illegalmente finirà connesso a un sistema di monitoraggio e si ritroverà con il proprio IP loggato da qualche parte. Quanto all'uso che verrà fatto di queste informazioni, soltanto il tempo ce lo dirà».

D'altra parte, lo studio mostra anche che i dati raccolti e in passato utilizzati in tribunale come prova spesso sono inaffidabili: una piccola discrepanza nell'ora registrata dai log può infatti portare a puntare il dito contro l'indirizzo IP sbagliato.

Inoltre «tutti i sistemi di monitoraggio osservati nel corso dello studio si connettono ai condivisori che ritengono responsabili della condivisione di contenuti illegali e verificano che stiano eseguendo il software BitTorrent, ma non registrano alcun file condiviso. Quindi si può discutere se tali sistemi possiedano prove che reggerebbero in tribunale» spiega ancora il dottor Chothia.

Occorre poi aggiungere che il monitoraggio dei singoli utenti, a meno che non sia condotto dall'autorità, è vietato da una direttiva europea come ha sottolineato anche il Garante per la Privacy quando si è occupato del "caso Peppermint".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 25)

Sė: sbattersene dei filtri e procurarsi un buon avvocato! :O
10-9-2012 08:00

Insomma, spuntano 2 scuole di pensiero: Usare un sistema di filtro IP Pro: il download non subisce rallentamenti percettibili Contro: qualcuno deve tenere costantemente aggiornata la lista degli IP da bloccare il download della lista deve avvenire da un sito sicuro (non bloccabile o manipolabile dalle major) Usare un sistema di... Leggi tutto
10-9-2012 07:30

Se in Linux si usa Transmission č sufficiente (!) abilitare la blocklist e gli aggiornamenti automatici per ottenere lo stesso livello di sicurezza che si avrebbe su Windows con PeerBlock. Abilitare anche l'encryption aumenta il livello di sicurezza, ma comunque ricordiamoci che i dati ottenuti in questo modo da chi ci spia non sono,... Leggi tutto
9-9-2012 20:38

Per GNU / Linux c'č anche moblock
9-9-2012 09:14

Sė Zievatron, fa conto che anche se fosse una vpn normale, ossia senza cifratura, il server a cui ti attacchi ti butta direttamente su internet senza giri strani, hai comunque un salto in pių prima di uscire (e di ricevere le risposte). Per farti capire, se sei utente fastweb ma invece di attaccarti direttamente al lor hug metti un... Leggi tutto
9-9-2012 03:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi pių pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual č il pių pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2359 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics