Un microchip fotonico in attesa della memoria quantica

Ricercatori americani riescono a manipolare i fotoni mediante superconduttori di ultimissima generazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-03-2013]

quantum chip

Ricercatori dell'Università della California a Santa Barbara hanno ideato un microchip che riesce a controllare i fotoni per mezzo di un superconduttore in grado conservarli per poi rilasciarli successivamente.

La notizia, apparsa nei giorni scorsi sulla rivista Physical Review Letters, spiega che gli scienziati sono partiti dagli studi del professor Yin Yi, oggi insegnante in Cina presso l'Università Zheijiang a Hangzhou, per riuscire infine a imprigionare indefinitamente un fotone prima di rilasciarlo a comando. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3800 voti)
Leggi i commenti (53)
Secondo la rivista scientifica, il meccanismo di rilascio utilizza un "otturatore" in grado di imprigionare e liberare il fotone; il microchip era tenuto a temperatura vicina allo 0 assoluto.

In attesa di riuscire a trasferire il fotone da un luogo fisico di stoccaggio a un altro, il risultato odierno è importante in vista della futura realizzazione di chip di memoria in grado di conservare una particella quantica senza modificarne lo stato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Strisce di silicio per trasmettere dati a velocità impensabili
La fibra ottica superveloce
Passi avanti nel teletrasporto
Google prepara il motore di ricerca quantistico
La fibra ottica... wireless

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Après moi, la déluge :toimonster Leggi tutto
19-3-2013 09:27

@Zievatron la differenza tra le profezie tradizionali (esempio Malachia) e quelle scientifiche è che le prime puoi dire "Tanto sono stupidate che probabilmente non accadranno" mentre quelle scientifiche "Merd!!!!!!!!!!!!!!!!!!!" :toilet: :alright: Nota: scusate il francesismo. Ciao
18-3-2013 16:10

La profezia di massima probabilità per il 2050 è che saremo nella cacca fin sopra i capelli. 7 - Inquinamento (con danni diretti alla salute da inquinamento) 6 - Ipertermia planetaria (con incremento di siccità, uragani ed inondazioni) 5 - Allargamento della forbice tra domanda ed offerta di energia 4 - Crisi Globale (con allargamento... Leggi tutto
18-3-2013 14:14

@Zievatron Prima che arrivi sui nostri Pc di sicuro sarà il 2050 o dopo :lol: Però... I pentium 6 erano i 80686 usati nei supercomputer all'inizio carriera... Potrebbero arrivare anche prima sulle nostre scrivanie! :shock: Il prossimo sviluppo sono i Quantici e gli Oggettivi (veri computer che lavorano ad oggetti e non... Leggi tutto
17-3-2013 14:46

Allora il mio prossimo PC potrebbe essere un PC fotonico?! :shock: Non ci credo affatto. Penso che nei prossimi anni, se non crolla tutto prima, incominceranno sì a realizzare delle cpu fotoniche, ma saranno roba molto costosa e di utilizzo specialistico. Perciò il mio prossimo PC sarà, molto probabilmente, con una normale APU di... Leggi tutto
17-3-2013 12:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (394 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics