Le prime app per i Google Glass

Dal New York Times a Gmail, ecco i software che sfruttano la realtà aumentata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-03-2013]

glass

I Google Glass possono essere affascinanti e farci sentire "nel futuro" ma, senza applicazioni a disposizione, serviranno a ben poco.

Ovvio che a Mountain View lo sappiano bene, e infatti hanno iniziato ad arrivare le prime applicazioni pensate per integrarsi perfettamente con gli occhiali interattivi, mostrate alla SXSW Conference.

Una delle prime app è stata sviluppata in collaborazione con il New York Times, e permette di ricevere direttamente sugli occhiali i titoli delle notizie più importanti, insieme all'indicazione di quanto tempo sia passato dalla loro pubblicazione.

Il software permette poi, a seguito di un semplice tap sugli occhiali, di farsi leggere ad alta voce la notizia per intero.

Non poteva poi mancare l'app di Gmail (le notifiche, complete di foto del mittente e oggetto, appaiono direttamente davanti agli occhi), accompagnata da quella di Evernote Skitch (si scatta una foto con Glass e con un gesto viene salvata su Skitch) e quella di Path (una notifica avvisa della condivisione di una foto da parte di un amico).

Sondaggio
Qual è il miglior prodotto tecnologico dell'anno? Scegli tra i seguenti oppure aggiungine uno nei commenti.
Motorola Droid Razr Maxx - 3.2%
Google Nexus 7 - 16.4%
Samsung Galaxy S3 - 31.1%
Apple iPad Mini - 10.4%
Apple iPhone 5 - 16.4%
Samsung Galaxy Note 2 - 16.6%
Microsoft Surface - 5.9%
  Voti totali: 1478
 
Leggi i commenti (6)

Tutto abbastanza semplice, finora, ma lo staff di Google ha spiegato che per il momento si è trattato di mostrare le possibilità offerte dalle API di Google Glass; il meglio deve ancora arrivare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google Glass, partono gli inviti per gli utenti comuni
Un tablet prodotto da Evernote?
Google Glass, ecco le specifiche e il prezzo
Sony lancia la sfida ai Google Glass
Arrivano i Google Store
Da Vuzix i cyber-occhiali per lo smartphone
La lente a contatto con display LCD
Google, gli occhiali a realtà aumentata esistono già

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2571 voti)
Ottobre 2020
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Tutti gli Arretrati


web metrics