L'occhio dell'Antitrust europeo sui prodotti Apple

L'UE sta vagliando i contratti di distribuzione di iPhone e iPad conclusi con gli operatori: il sospetto è che siano anticoncorrenziali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-03-2013]

apple antitrust

La notizia, diffusa dal New York Times, arriva direttamente da un portavoce della Commissione Europea: l'Antitrust dell'UE sta tenendo d'occhio la distribuzione dei prodotti Apple nel Vecchio Continente.

Al momento non ci sono state denunce formali, ma pare che alcuni operatori telefonici francesi si siano lamentati di certe pratiche che ostacolerebbero la concorrenza.

«Stiamo monitorando attivamente gli sviluppi in questo mercato. Naturalmente interverremo se ci saranno indicazioni di comportamento anticompetitivo a detrimento dei consumatori» ha spiegato il portavoce, aggiungendo che non c'è ancora alcun procedimento formale.

Pare che alla base delle lamentele ci sia il diverso comportamento tenuto da Apple a seconda dell'importanza degli operatori cui si rivolge per la distribuzione di iPhone e iPad.

Con quelli minori metterebbe in campo dei contratti molto rigorosi, mentre concederebbe a quelli maggiori una maggiore flessibilità; la differenza tra i due tipi di contratto sarebbe tale da danneggiare la concorrenza, impedendo ai provider più piccoli di proporsi come un'alternativa seria.

Sondaggio
Quale serie di telefoni migliore?
Apple iPhone - 55.2%
Motorola Droid - 26.3%
RIM BlackBerry - 18.5%
  Voti totali: 596
 
Leggi i commenti (1)

A dare forza alla posizione di Apple rispetto agli operatori sarebbe l'attrazione che i prodotti con la Mela provocano sugli utenti: pur di avere il "privilegio" di distribuirli, i carrier accetterebbero clausole troppe rigide.

Tra questi ci sarebbe, per esempio, l'obbligo di realizzare un certo numero di vendite; in caso contrario il contratto di fornitura non verrebbe concesso. Sottoscrivendo il contratto, in pratica, l'operatore si assume l'onere di acquistare comunque il numero di dispositivi che s'impegna a vendere, sia che poi riesca davvero ad avere il numero di clienti necessario oppure no.

Apple è già intervenuta nella vicenda tramite un proprio portavoce, affermando che «i contratti rispondono appieno alle leggi locali ovunque ci sia il nostro business, Unione Europea inclusa».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UE, nuova maximulta a Microsoft
Antitrust chiude Private Outlet e sito di farmaci online
Antitrust, Apple rischia lo stop delle vendite in Italia
L'occhio dell'antitrust europeo sui brevetti di Motorola

Commenti all'articolo (3)

Non so se in Europa riuscirebbe a tornare ai fasti di un tempo, sicuramente in Italia di danni ne ha gi fatti a sufficienza... non che stato un tantino sopravvalutato? Per quello che riguarda la notizia mi stupirebbe se non ci fosse qualche pratica quantomeno scarsamente trasparente, nessuna azienda tratta allo stesso modo i... Leggi tutto
29-3-2013 19:17

Proporrei ora, dato che il nostro SuperMario Monti ha fatto danni gi abbastanza in Italia, che ritornasse a capo della commissione europea sulla concorrenza: chissa che l , trovandosi pi a suo agio , abbia successo come fu con la Microsoft di Bill Gates :lol: :lol: :lol:
25-3-2013 00:20

Come direbbe Nelson: AH AH
22-3-2013 15:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo l'et in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2238 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics