I call center italiani finiranno tutti in Romania?

La Romania sarebbe favorita dalle ultime norme sul trasferimento all'estero: preoccupazione per la privacy degli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2013]

call center romania

Il governo Monti - e, in particolare, il ministro Elsa Fornero - prima di chiudere il proprio mandato ha emanato una normativa che ha lo scopo di scoraggiare le imprese italiane che volessero portare i propri call center all'estero.

Subito, tuttavia, sono nate le polemiche: infatti la circolare emanata dal Ministero del Lavoro, secondo quanto afferma sindacato Ugl Comunicazioni, sancisce che un'impresa che porta il proprio call center in un Paese extraeuropeo non possa godere di ammortizzatori sociali in Italia in caso di riduzione del personale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è secondo te il problema principale dei call center?
Tempi di attesa troppo lunghi
Mancanza di coordinamento tra settore tecnico e amministrativo
Personale scortese
Personale incapace
Personale capace, ma non addestrato adeguatamente

Mostra i risultati (3659 voti)
Leggi i commenti (15)
In questo modo si cercherebbe di frenare la delocalizzazione in Paesi come l'Albania o la Tunisia, al di fuori dell'Unione Europea, favorendo oggettivamente il trasferimento in Romania, Paese in cui è molto diffuso l'italiano ma dove c'è una normativa sul trattamento dei dati sensibili dei clienti molto meno rigida e garantista rispetto a quella italiana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Call center in sciopero, la Rete si mobilita
Telecom Italia: bye bye, Italia
Dal grillismo antipolitico a quello antisindacale
Italiani sfruttati nei call center svizzeri
Telecom Italia pronta a varare la grande Telecontact
Telecom Italia conferma lo scorporo dei call center
Spiare i lavoratori è ancora vietato
Il Garante Privacy indaga su call center e telemarketing

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Con 3 il call center è ucraino e alcune volte ho chiamato per problemi di rete internet, capirsi a volte è difficile ma non hanno mai tentato di rifilarmi niente, per i call center italiani che chiudono ci sono vari precari che perderanno il lavoro, che per quanto poco pagato sia in tempi di crisi uno cosa va a fare? E per i lavori dove... Leggi tutto
18-4-2013 15:17

@MattMercenario C'ho avuto a che fare per una serie di stampanti, la prima volta con delle Samsung ed anche l'ultima: il 100% con problemi nel primo anno di vita, il 100% con problemi, "risolti" lasciando perdere la Samsung senza procedere contro di lei per l'evidente impossibilità di usufruire della garanzia dato che i... Leggi tutto
12-4-2013 20:54

@cisco Oddio mi ricordo del mio periodo francese! :shock: Eppure hanno e avevano una economia più florida della nostra.. Però se ti integri (devi fare tu uno sforzo immane) poi vieni riconosciuto come francese! (anni 80') Mi ricordo ancora che dicevo ad un capo francese "io sarei italiano..." e lui subito replica... Leggi tutto
12-4-2013 16:36

@MK66: Be', certo che c'è di peggio. Il fatto è che noi non dovremmo nemmeno averlo questo problema, perché potremo vivere moooolto meglio. :!: Concordo anch'io in toto su quanto scritto da mda. Gli stranieri, in qualsiasi posto siano, saranno sempre stranieri. Però le nazioni del globo terracqueo dove gli stranieri sono trattati... Leggi tutto
12-4-2013 14:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1890 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 gennaio


web metrics