Viber alla conquista dei desktop

Il popolare software per messaggistica e VoIP muove guerra a Skype rilasciando le versioni per Windows e Mac OS X.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2013]

viber desktop

Viber è una popolare applicazione, nata per i dispositivi mobili, che permette di inviare messaggi istantanei e di chiamare tramite il VoIP: lo si potrebbe definire un rivale di Skype ma anche di WhatsApp, che rispetto a Viber non permette di chiamare.

Fino a oggi il software era disponibile per BlackBerry, iOS, Android, Windows Phone, Bada e Symbian, ossia aveva una vocazione prettamente "mobile" che non sembrava preoccupare più di tanto il rivale Skype. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Che cosa utilizzi per mandare messaggi dal cellulare?
biteSMS - 1.9%
BlackBerry Messenger - 2.2%
ChatON - 0.6%
Google Talk - 3.2%
iMessage - 4.6%
indoona - 4.6%
jaxtr - 0.4%
Msn - 0.9%
Skebby - 1.3%
Skype - 3.0%
Sms - 41.6%
WhatsApp - 35.8%
  Voti totali: 3611
 
Leggi i commenti (13)
Ora, però, Viber ha deciso di fare il grande passo e sbarcare anche sui desktop, rilasciando le versioni per Windows e Mac OS X.

Le modalità di utilizzo sono sempre le stesse: si possono inviare messaggi ed effettuare chiamate in VoIP gratuitamente (a parte i costi della connessione) verso gli altri utenti di Viber, che sono in totale circa 200 milioni.

Rispetto ad alternative come Skype c'è un particolare che lo rende interessante: analogamente a WhatsApp non richiede agli utenti di crearsi un ulteriore account, ma utilizza per l'identificazione il numero di cellulare (necessario, quindi, anche per usare le versioni desktop).

Questo comportamento può essere visto dagli utenti come un duplice vantaggio: da un lato non richiede di ricordare un'ulteriore accoppiata username/password, dall'altro facilita di molto l'integrazione con la rubrica di contatti presente nel telefono. L'articolo continua dopo il video.

Con il debutto delle versioni desktop gli utenti di Viber possono quindi continuare le proprie conversazioni indipendentemente dal dispositivo: grazie alla sincronizzazione con i server dell'azienda si può, per esempio, iniziare a chattare sul telefono e concludere sul PC, o viceversa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Viber con le public chat vuole assomigliare a Twitter
Viber intercettabile, non cifra i dati
Chad2Win, l'app che ti paga per chattare
Skype si integra in Outlook.com
WhatsApp smentisce: non venderemo a Google
Gli SMS italiani sono i più cari d'Europa
Il VoIP sul BlackBerry

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)


Quello che non capiscono, secondo me questi deficienti è che fare una versione per Linux è PUBBLICITÀ in prima battuta! Anche un Window-siano sapendo che non è presente su Linux lo ritiene un progetto da cantinari!!! Dunque vince anzi stravince Skipe e non solo perchè è giunto per primo. Se si vuole battere Skipe bisogna affidarsi... Leggi tutto
17-7-2013 12:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (364 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics