La sicurezza online ancora prima dell'educazione sessuale

Lo afferma il CEO di Google Eric Schmidt.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2013]

google schmidt privacy prima educazione sessuale p

Si può dire qualunque cosa di Eric Schmidt, presidente esecutivo di Google, ma non che non abbia delle idee precise, specialmente per quanto riguarda l'importanza della sicurezza e della riservatezza in Rete.

E se per certi versi può sembrare strano che uno dei dirigenti più importanti di una società che vive dell'utilizzo dei dati personali dia tanta importanza alla privacy, su questo Schmidt non ha dubbi.

«Se avessi oggi dei bambini piccoli parlerei con loro davvero per prima cosa della privacy e in seguito del sesso» ha dichiarato in un'intervista a un settimanale tedesco, ribadendo peraltro una posizione che aveva già espresso lo scorso aprile.

In quell'occasione aveva addirittura auspicato che, come nelle scuole si tengono lezioni di educazione sessuale, così in futuro ci siano lezioni di privacy online.

Oltre a dichiararsi convinto di ciò, Schmidt ha suggerito ai genitori di non mollare il controllo sulle attività che i figli compiono online finché questi non hanno raggiunto la maggiore età.

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1944 voti)
Leggi i commenti (32)

«I genitori dovrebbero avere le password dei loro figli finché questi non hanno 18 anni. Non si discute! I genitori devono sapere quello che fanno i loro figli» ha raccontato al settimanale, rivelando che si tratta del sistema che ha seguito egli stesso sinché la figlia non è diventata maggiorenne; «Da quel momento è affar suo» ha commentato.

Nel corso dell'intervista Eric Schmidt ha sottolineato come la sua posizione in materia di privacy sia alla fine la stessa di Google: se è vero che l'azienda adopera i dati degli utenti per fornire per esempio pubblicità mirate o servizi personalizzati, i padroni di quelle informazioni restano gli utenti che ne sono titolari.

«Io credo che a ciascuno appartengano i propri dati. E ciascuno dovrebbe essere in condizione di cancellarli: è questa la policy di Google».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)


:lol: :lol: :lol: Vero: La persona meno adatta per parlare di Privacy... :lol: :lol: :lol: Ciao
7-6-2013 19:44

:lol: :lol: confrontando dall'articolo il filo di coerenza rende evidente come "dio schmidt" si senta il "buon padre" di tutti noi. (e che chi frequenta google+ non sarà mai maggiorenne) Leggi tutto
7-6-2013 09:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (5644 voti)
Settembre 2022
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 settembre


web metrics