Tim Berners-Lee attacca i governi del datagate

Il padre del web accusa di ipocrisia gli Stati che criticano i regimi dittatoriali ma poi spiano i propri cittadini sul web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2013]

tim berners lee

Lo scorso 25 giugno Louis Pouzin, Bob Kahn, Vint Cerf, Tim Berners-Lee e Marc Andreessen (assente alla cerimonia) sono stati insigniti a Londra del primo Queen Elizabeth Prize for Engineering.

I cinque sono i padri di Internet e del World Wide Web così come li conosciamo, e sono stati scelti per essere i destinatari della prima edizione del premio poiché i loro lavori hanno cambiato completamente il modo di comunicare e, in fondo, il mondo.

Dopo aver ricevuto il premio dalla regina Elisabetta II, sir Tim Berners-Lee è stato intervistato dal quotidiano The Times e, in quell'occasione, ha avuto modo di collegare l'onorificenza ricevuta con quanto sta accadendo per via del cosiddetto datagate, la fuga di notizie circa i sistemi di controllo sul web adottati dai governi occidentali.

Sir Tim è sempre stato molto chiaro circa le proprie posizioni a favore di un web aperto a tutti e lontano da ogni influenza, sia che provenga da uno Stato o da un'azienda particolarmente influente.

Parlando con il giornalista del Times ha avuto modo di ribadire con maggiore forza le proprie posizioni, paragonando l'operato dei governi occidentali con quelli normalmente accusati di pratiche censorie e repressive.

Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1253 voti)
Leggi i commenti (5)

«Nel Medio Oriente, la gente ha accesso a Internet ma viene spiata e quindi anche incarcerata. Può essere facile per chi abita in Occidente dire: "Oh, non bisognerebbe permettere a quei governi malvagi di spiare Internet!". Ma è evidente che le nazioni sviluppate spiano Internet pesantemente» ha esordito il padre del web.

«Il progetto originale del web, 24 anni fa, era quello di uno spazio universale» continua sir Timothy. «Non avevamo in mente un particolare computer, linguaggio o browser. Quando si realizza qualcosa di universale... può essere usato per cose buone o per cose cattive. Dobbiamo assicurarci solo che non venga corrotto da qualche grande azienda o qualche governo che cerca di usarlo per ottenere il controllo totale».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'ipocrisia dei politici alle prese col Datagate
Datagate, spiato anche il governo italiano
La NSA può violare ogni crittografia
Eppure Snowden è più Radicale di Emma
Vent'anni di Web libero e gratuito
Il mondo deve essere ''open''
Tim Berners-Lee: privacy necessaria per democrazia digitale
Il Parlamento europeo per la Net Neutrality
Tim Berners-Lee: l'Italia colmi il digital divide
Vent'anni di web con Tim Berners-Lee

Commenti all'articolo (1)


Come non essere daccordo con il nostro "padre digitale"? :D A parte sull'idea della "universalità". Nel senso che non dobbiamo nemmeno pretendere di coinvolgere tutti, volenti o nolenti, altrimenti ricadiamo in una diversa forma dello stesso errore fondamentale.
28-6-2013 14:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4437 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics