Il cimitero degli Atari

C'è una discarica dove riposano milioni di cartucce di antichi videogiochi. Ora stanno per tornare alla luce.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2013]

cimitero atari

All'inizio degli anni '80, Atari era un colosso dei videogiochi; anzi, era il colosso dei videogiochi.

Negli Stati Uniti erano state venduti 10 milioni di console Atari 2600 e la conversione dei classici arcade aveva contribuito enormemente alla fortuna dell'azienda.

Poi, alla fine del 1982, il tracollo: scelte sbagliate di marketing e la produzione di giochi di scarsa qualità - come il porting di Pac-Man e il videogame E.T. The Extra Terrestrial avevano fatto crollare le vendite e, quel che è peggio, avevano convinto molti giocatori a restituire le cartucce chiedendo un rimborso.

Nel corso di alcuni mesi, tra giochi invenduti e giochi restituiti, Atari si era trovata letteralmente con milioni di cartucce di cui non sapeva che cosa fare: erano lì, occupavano spazio nei magazzini e non avevano alcuna speranza di essere vendute.

Di qui l'idea: perché non seppellirle, magari in modo molto discreto, in qualche discarica che non fosse troppo in vista? L'idea piacque e il luogo prescelto fu la discarica di Alamogordo, nel Nuovo Messico.

A questo punto la storia assume un po' i contorni della leggenda. C'è chi giura che non meno di nove camion raggiunsero la discarica portando le cartucce da seppellire, che per buona misura sarebbero anche state sepolte sotto una colata di cemento per nascondere il grande fallimento di Atari.

A creare confusione ulteriore si sono poi aggiunte le dichiarazioni dei vari dirigenti dell'azienda, che raramente hanno fornito la stessa versione.

Sondaggio
Qual è il tuo principale strumento di gioco?
Il Pc
Il notebook
Il tablet
Il telefonino
La console di casa
La console portatile
Giochi tradizionali (da tavolo, di ruolo, di carte ecc.)
Giochi sul web

Mostra i risultati (2135 voti)
Leggi i commenti (5)

Ora, a 30 anni dall'arrivo delle cartucce alla periferia di Alamogordo, la verità sta per tornare a galla.

Il Consiglio Comunale della città ha infatti sottoscritto un accordo con una casa di produzione cinematografica canadese e con la Fuel Industries per effettuare nei prossimi sei mesi degli scavi nella discarica e produrre un documentario sulla leggenda del cimitero della Atari.

Per il sindaco della città del Nuovo Messico si tratta di un'opportunità di attirare un po' di attenzione: «Spero che più gente impari a conoscere Alamogordo grazie a questa opportunità di svelare i giochi Atari presenti nella discarica» ha dichiarato.

Per i vecchi appassionati di videogiochi si tratterà di un tuffo nel passato. Per Atari, invece, tutto ciò non fa altro che ricordare i problemi che l'hanno sempre accompagnata sino alla recente bancarotta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Atari, le cartucce sepolte hanno fruttato oltre 100.000 dollari
900 giochi arcade nel browser disponibili gratuitamente
Microsoft e le cartucce Atari 2600 sepolte nel deserto
Leisure Suit Larry, arriva il remake
Atari dichiara bancarotta
Quarantesimo compleanno per Atari
Reinventare Pong dopo quarant'anni
Atari minaccia gli emulatori e i siti di asteroidi

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)


Comunque quell'era non è morta, è solo diventata 'underground'. Ancora oggi appassionati sviluppano videogiochi per gli home computer di una volta, o le console 'ormai superate'. Ad esempio mi auguro non vi sia sfuggito che nel 2011 'è uscito' Prince of Persia per il Commodore 64... :roll: ... Leggi tutto
1-7-2013 13:23

@MaXXX eternal tiare Ma scherzi? Io ci perdo la testa per PowerManga su Linux!!! :lol: :lol: :lol: Nota: Anche Kgoldrunner e Cubomanace... Senza dimenticare il Solitario!!! Nei vecchi giochi cera quel qualcosa in più, chissà cosa è, che nei nuovi non c'è! Ciao
29-6-2013 01:15

Che nostalgia ho vissuto quei giochi solo di riflesso (sono piccino :D ) ma che nostalgia... C'erano molte idee e con pochi pixel facevi divertire... Oggi hai giochi bellissimi ma spesso dopo una settimana ti stufano.. Che bello sopratutto i vecchi cabianti da sala giochi :oops: :oops: stanno sparendo che peccato.. il neo geo ve lo... Leggi tutto
29-6-2013 00:47

Sulla confezione che nel manuale d'istruzione cera scritto "Personal Computer"! :shock: Ciao Leggi tutto
29-6-2013 00:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (397 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics