Una console con Android da Google

L'azienda di Mountain View si prepara a entrare nel mercato dei videogiochi e punta a conquistare i casual gamers.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-07-2013]

ouya console android

Viene da chiedersi se esista un settore in cui Google non sia presente o non abbia intenzione di entrare.

Stando alle ultime indiscrezioni - riportate dal Wall Street Journal e, in effetti, piuttosto credibili - la guerra delle console cui assisteremo entro la fine dell'anno non si limiterà a svolgersi tra i soliti contendenti (Nintendo, Microsoft, Sony) ma avrà anche uno o due ospiti nuovi.

Il primo di questi ospiti è proprio Google, il quale starebbe lavorando su una console per videogiochi basata, naturalmente, sul sistema operativo Android.

Il ragionamento sarebbe semplice: l'hardware sempre più potente di tablet e smartphone soddisfa pienamente le esigenze dei cosiddetti "giocatori casuali" (casual gamers), per i quali non è la fine del mondo se una console non offre grafica di ultimissima generazione ma ciò che è importante è passare qualche mezz'ora di divertimento.

A costoro - continua il ragionamento di Google stando alla ricostruzione - si potrebbe offrire un prodotto relativamente economico (e certamente economico rispetto agli esborsi richiesti da strumenti avanzati come Xbox One o PS4) che consenta di giocare sul televisore agli stessi giochi conosciuti via smartphone o tablet, un prodotto che funga da media center e presenti la familiare esperienza Android.

Eventuali dubbi sul successo di un'operazione del genere non dovrebbero più esserci dopo aver visto la calda accoglienza riservata a Ouya, la console Android nata come progetto su Kickstarter. Inoltre, è anche una questione di tempismo.

Sondaggio
Qual è il tuo principale strumento di gioco?
Il Pc
Il notebook
Il tablet
Il telefonino
La console di casa
La console portatile
Giochi tradizionali (da tavolo, di ruolo, di carte ecc.)
Giochi sul web

Mostra i risultati (2265 voti)
Leggi i commenti (5)

Potrebbe infatti presto apparire all'orizzonte un ulteriore contendente in questa guerra che ha per oggetto un mercato che entro quattro anni - si stima - varrà 82 miliardi di dollari: Apple.

Sempre stando alle indiscrezioni, a Cupertino starebbero lavorando a un aggiornamento della Apple TV che trasformerebbe il media center in una console per i giochi provenienti dall'app store; sarebbe un po' la stessa operazione che vorrebbe fare Google, anche se con un punto di partenza diverso: Apple ha già una base di utenti che conosce il suo prodotto, anche se non come strumento per giocare.

A dire la verità Apple non è un attore completamente nuovo per questo palcoscenico: aveva già provato a mettere un piede nell'arena dei videogiochi nel 1996 con Pippin, ma aveva dovuto precipitosamente levarlo prima che venisse calpestato dall'agguerrita concorrenza. Ora il successo di iPhone e iPad la mette in una posizione decisamente migliore.

L'unica che in questo scenario potrebbe doversi preoccupare seriamente è Nintendo, i cui utenti di riferimento sono da sempre proprio i "giocatori casuali"; Microsoft e Sony invece dovrebbero soffrire meno da un'eventuale ingresso in partita di Goole e Apple, poiché i destinatari dei loro prodotti sono i giocatori più esigenti dal punto di vista di hardware e prestazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da Archos una console portatile con Android
Ouya, la console low cost con Android
Xbox One, Microsoft fa marcia indietro e toglie tutti i limiti
Sony svela la PlayStation 4, inizia la lotta con Microsoft

Commenti all'articolo (3)


@OXO Pensare di fare un prodotto per far girare i giochi dello store per smartphone è un prodotto scadente! Non penso proprio che gireranno, salvo una scatola di compatibilità, quei giochi. Non ci sarebbe mercato dato che già ora si può collegare uno smartphone Android ad joystic e TV. Ouya ,che usa Android, già si presenta con... Leggi tutto
8-7-2013 02:23

Non mi pare di aver letto da nessuna parte nell'articolo di prodotto scadente: piuttosto, mi pare molto intelligente l'analisi che chiarisce in modo cristallino la sostanziale diversità di utenti finali che vuole e può raggiungere Google rispetto a quella legata alle "classiche" console da smanettoni. In pratica si tratta... Leggi tutto
7-7-2013 17:46

Ma chi ti dice che un gigante come Google si limiti ad un prodotto scadente??? :lol: :lol: :lol: Tanto c'è in quella fascia Ouya che non disturba, anzi gli fa da apripista! Anzi può pensare di fare un OS Android x game per altri produttori!!! Sicuramente, per lei, farà un prodotto all'avanguardia probabilmente superiore ad XboX e... Leggi tutto
2-7-2013 13:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2337 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 dicembre


web metrics