La batteria grande come un granello di sabbia

Realizzata con una stampante 3D, servirà ad alimentare i biosensori e i dispositivi elettronici da impiantare nel corpo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2013]

mini batteria

Con l'aumentare del numero dei dispositivi elettronici di dimensioni minuscole (come i biosensori) cresce la necessità di avere a disposizione delle batterie che consentano di avere delle buone autonomie ma con ingombri molto ridotti.

Un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard sono ora riusciti a creare una batteria agli ioni di litio perfettamente funzionante e non più grande di un granello di sabbia. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5619 voti)
Leggi i commenti (12)
Per realizzarla hanno utilizzato una tecnica di stampa 3D microscopica: anodo e catodo sono formati da due diversi inchiostri elettrochimicamente attivi. La stampante, attraverso un ugello più piccolo di un capello, deposita uno strato alla volta di inchiostro sino a formare una struttura la cui forma ricorda vagamente un pettine.

I "denti" del pettine sono gli elettrodi, mentre anodo e catodo si trovano disposti l'uno di fronte all'altro; la batteria, in pratica, assomiglia a due pettini con i denti incrociati.

batteria schema

Il tutto è poi racchiuso in un minuscolo contenitore in cui viene immessa una soluzione elettrolitica: a quel punto la batteria è pronta.

I test hanno dimostrato che «le prestazioni elettrochimiche sono paragonabili a quelle delle batterie commerciali in termini di tasso di carica e scarica, ciclo vitale e densità energetica».

Lo studio che ha portato alla realizzazione della microbatteria è stato pubblicato su Advanced Materials.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La batteria ricaricabile low cost del MIT
E le batterie diventeranno obsolete!
Punti di sutura coi sensori
Batterie di legno fatte con carta riciclata
Quando l'energia è sotto i tacchi
Ricaricare la batteria dello smartphone in 20 secondi
Le microbatterie che si ricaricano in pochi secondi

Commenti all'articolo (3)


In effetti il punto fondamentale è per quanto tempo una batteria di questo tipo è in grado di alimentare un pacemaker o un qualsiasi apparecchio biomedicale, si tratta comunque di uno spunto di partenza assai interessante e che pare promettere molto bene.
7-7-2013 11:37

{Giambattista}
Prima di tutto e, a scanso di equivoci: io tifo per loro. Non sono mica come Steve Jobs e simili, quelli che creano i bisogni inutili a chi non li ha. Spero che abbiano successo. Ma, finora, le leggi della fisica che mi hanno insegnato non le ho viste mai contraddette. E allora qui c'é qualcosa che non torna: "I test hanno... Leggi tutto
7-7-2013 08:34

Sarebbe interessante sapere qual'è capacità di una batteria da 1 mm. Certo che se fosse adeguata sarebbe effettivamente una innovazione da 5 stelle per tutti gli apparecchi biomedicali, mi viene da pensare alla ulteriore miniaturizzazione dei pacemaker o agli apparati di dispensazione programmata di insulina ...
5-7-2013 09:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1752 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics