Cancellare dal web foto e scritte imbarazzanti, c'è la legge

Una norma permette ai minori di eliminare i ''peccati di gioventù''. Ma forse è un po' troppo vaga.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-09-2013]

M legge gomma minori

Il cosiddetto "diritto all'oblio" è una faccenda vecchia quanto il web o, per lo meno, quanto il diffondersi dell'utilizzo del web.

Si tratta in sostanza di un concetto semplice: chi naviga in Internet e lascia inevitabilmente dietro di sé delle tracce (in particolare condividendo contenuti, foto e pensieri, cosa assai comune nell'era dei social network) ha o no il diritto a cancellare ciò che dopo anni non è altro che un ricordo imbarazzante?

Una legge californiana di recente approvazione dice che sì, questo diritto esiste, almeno per i minori.

In base a questa norma, dal primo gennaio 2015 chi ha meno di 18 anni può rimediare agli "errori di gioventù", chiedendo la rimozione dei contenuti che creano imbarazzo.

Il motivo è persino ovvio e si può riassumere con le parole di Jim Steyer, fondatore di Common Sense Media: «Gli errori di gioventù ti seguono per tutta la vita e le loro impronte digitali arrivano ovunque si vada».

Qualcuno però ha già fatto notare come alcune formulazioni imprecise contenute nel testo della legge rischino di vanificare l'intento complessivo.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3981 voti)
Leggi i commenti (46)

Infatti la norma impone l'obbligo di cancellazione a «siti web e app indirizzati ai minori» o di cui sia noto l'utilizzo da parte di minori.

Ciò significa che per esempio un sito come il social network Twigis, qualora dovesse arrivare in California, rientrerebbe in questa categoria; altri siti utilizzati da minori ma non a loro indirizzati, o non da loro principalmente adoperati, potrebbero sfuggire all'applicazione della legge.

Inoltre, a prima vista sembra che si possa richiedere la rimozione dei contenuti soltanto finché si è minorenni; ma anche su questa interpretazione non c'è unanimità tra i giuristi che hanno esaminato il testo.

C'è poi chi ha fatto notare come rimuovere alcuni contenuti abbia conseguenze anche su altri: togliere un post da una discussione, per esempio, impedirebbe di seguirne il filo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google e diritto oblio, oltre 6.000 richieste dall'Italia
Diritto all'oblio, ecco come cancellarsi da Google
UE, Google è responsabile del diritto all'oblio
Egosurfing, il narcisismo nell'era di Google
Il social network per i bambini apre in Italia
Google non è responsabile del diritto all'oblio

Commenti all'articolo (5)


Per non parlare di tutti i quote. Cosa si fa? Si cancella il messaggio del terzo che ha quotato il minore o con precisione chirugica si elimina solo la parte quotata? Leggi tutto
26-9-2013 09:08

esattamente... Leggi tutto
26-9-2013 08:40

Ho letto il testo e pensato subito che fosse una legge italiana, invece mi rendo conto che non siamo gli unici a scrivere certe corbellerie...
26-9-2013 08:35

Questo lo accetto come diritto all'oblio anzi sarei più drastico: Nessuno può aver diritto (salvo i genitori) di qualsiasi dato di un minore. Ciao
25-9-2013 23:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è secondo te la peggiore invenzione della storia?
Le sigarette
I fast food
Le armi
Il nucleare
La Chiesa
La televisione
L'automobile
I telefoni cellulari
Gli autovelox

Mostra i risultati (7826 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics