Come impedire che Google usi la tua foto negli spot

Presto nelle pubblicità potranno apparire i volti e i nomi degli iscritti a Google Plus. Ecco come evitarlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-10-2013]

google shared endorsement

Dal prossimo 11 novembre per tutti gli utenti di Google entreranno in vigore i nuovi Termini di Servizio, comprendenti alcune modifiche che potrebbero non piacere.

In particolare, a partire da quella data Google potrà adoperare il nome e la foto presenti nel profilo Google+ per associarli ai prodotti mostrati negli annunci pubblicitari. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è il momento della giornata in cui ti senti più creativo?
Alla mattina presto
A metà mattinata
All'ora di pranzo
Nel primo pomeriggio
Nel tardo pomeriggio
All'ora di cena
Di sera
A notte fonda
In un qualsiasi momento
Non sono per niente creativo

Mostra i risultati (1988 voti)
Leggi i commenti
In pratica, accanto a un prodotto reclamizzato chiunque potrebbe veder apparire la propria faccia in qualità di testimonial quasi involontario: "quasi" perché saranno utilizzati soltanto i dati di coloro che avranno compiuto una qualsiasi azione in relazione a quel prodotto, ossia avranno espresso il proprio apprezzamento (cliccando sul pulsante +1), l'avranno commentato o saranno diventati follower della pagina che ne parla.

Così, per esempio, valutare positivamente un album musicale su Google Play dal proprio telefonino permetterà a Google di mostrare agli amici la foto e il nome a fianco della pubblicità di quel disco.

google shared endorsement

Nella pagina successiva vi spieghiamo come evitare che questo avvenga.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Disattivare i Consigli Condivisi

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Find My Face, il riconoscimento facciale di Google+
Le aziende sbarcano su Google+
Google+ si aggiorna
Google+ a confronto con Facebook
Google+ è più sicuro di Facebook?

Commenti all'articolo (2)


@Roberto1960 L'ultima che hai scritto.... :wink:
18-10-2013 19:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1229 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics