Auto alimentata a pipì: entra in gioco la lana di pecora

La pecora sarda contro il cane a sei zampe.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-12-2013]

pecora sarda 2

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
La pecora sarda contro il cane a sei zampe

Il classico uovo di colombo che ha permesso di eliminare la quasi totalità delle problematiche limitative si è rivalato un prodotto naturale per eccellenza: la lana di pecora.

Pura al 100%, la lana viene usata per realizzare un filtro denominato Orilana Smart e prodotto dalla Edilana, azienda sarda che produce coibentanti, isolanti e antimuffa nell'ambito della efficienza energetica con l'eliminazione di pericolosi rilasci di residui aldeidici e chetonici propri dei comuni isolanti.

Il bello (anzi: il brutto) è che il motore a pipì potrebbe essere alimentato direttamente, sostituendo in tutto e per tutto il carburante petrolchimico; ma ciò è naturalmente vietato dalle leggi vigenti non solo nel Bel Paese, dove le accise di fabbricazione e l'imposta sui consumi costituiscono una enorma fetta delle entrate tributarie.

La norma viene di fatto aggirata elevando la diammide carbonica al rango di "additivo", prassi consentita o almeno tollerata purché non produca inquinanti aggiuntivi.

In versione autotrazione, il motore trasformato consente un risparmio stimato attorno a un terzo se l'alimentazione è a benzina, del 60% circa se è a gasolio e fino all'80% quando l'alimentazione è a gas.

C'è il vantaggio ulteriore di avere a fine ciclo un liquido con tutte le proprietà dell'acqua di pozzo, idonea anche per l'innaffiatura orticola.

Il protocollo di realizzazione afferma che le pecore devono essere "di razza sarda"; ma ci sarebbe da scommettere che andrebbe altrettanto bene anche quella di cammello o di foca (tanto per citare due estremi climatici), purché pretrattata in modo idoneo.

Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1742 voti)
Leggi i commenti (23)

Qualcuno ha osservato acutamente che di tratterebbe di una fonte energetica estremamente democratica, perché il prodotto non può essere venduto o accumulato localmente, rendendo vani i tentativi di speculazione; ma l'esperienza insegna a essere meno ottimisti, quando si tratta anche solo di scalfire gli interessi dei monopolisti di riferimento.

Se le disavventure di quel geniaccio di Nicola Tesla sono appena dimenticate, un po' meno lo sono i più recenti e ondivaghi cacciaviti; e non è escluso il successivo ricorso alle disposizioni in difesa dei monopoli industriali e dei brevetti internazionali tanto da scoraggiare o rendere comunque improcedibile la difesa sotto il mero profilo economico da parte del titolare dell'invenzione.

Vedremo; anche perché a casa nostra certamente si preferirà continuare a dilapidare ricchezza per cure mediche in misura maggiore di quanto si risparmierebbe limitando gli inquinanti ambientali.

Ma altrove la musica potrebbe essere diversa, sotto la pressione di quattro o cinque miliardi di nullatenenti senza energia e presto senz'acqua a sufficienza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sms alla guida

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

{Tharon}
Il motore a urina non è affatto tale. Il Selective Catalytic Reduction di cui si parla non è un motore, bensì un sistema che permette di abbattere le emissioni inquinanti di azoto nei motori tradizionali. Tale sistema di catalizzazione funziona per l'appunto con una miscela di urea, o ammoniaca. Il "pieno" di cui si parla non... Leggi tutto
5-12-2013 11:41

Però! Un fitlro di orbace. Eia eia alalà!
4-12-2013 23:15

Non ho capito se è una pecora, o una bufala, o un incrocio. :?
27-11-2013 17:54

Per approfondire. uno dei tanti possibili riferimenti: link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/136793]link Bye Leggi tutto
19-11-2013 13:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro è un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4264 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics