Proprietario auto elettrica arrestato per ricarica da 5 cent

Aveva collegato la propria Nissan Leaf a una presa esterna senza autorizzazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-12-2013]

Nissan Leaf

Quindici ore di prigione per aver rubato 5 centesimi (di dollaro) di elettricità: è questo quanto è capitato a Kaveh Kamooneh, proprietario di un'auto elettrica.

Kamooneh stava guardando il figlio undicenne giocare a tennis nel campo della scuola e, nel frattempo, aveva collegato la spina della propria Nissan Leaf a una presa esterna dell'edificio.

A un certo punto è apparso un agente di polizia, il quale ha affermato che avrebbe dovuto multarlo per aver rubato energia dalla scuola. Undici giorni dopo Kamooneh è stato arrestato a casa sua e portato in prigione, dove ha trascorso 15 ore.

Inizialmente gli era stato contestato il furto di energia per una valore compreso tra i 10 e i 25 dollari; a seguito di una verifica si è scoperto che, avendo lasciato l'auto collegata per 20 minuti, Kamooneh ha sottratto appena cinque centesimi di elettricità.

Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2110 voti)
Leggi i commenti (12)

Si può obiettare, come ha fatto il poliziotto che ha arrestato l'uomo, che al di là dell'ammontare «un furto è un furto»; Kamooneh avrebbe dovuto chiedere il permesso e non l'ha fatto perché - ha poi spiegato - non c'era nessuno a cui chiedere, essendo sabato mattina.

Dal canto proprio, Kamooneh ha paragonato il proprio gesto al collegamento di un portatile o un cellulare alla presa di un bar e promette di dar via a una battaglia legale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'auto che brilla al buio
Toyota ricarica l'auto elettrica in 90 minuti
Alimentare il notebook pedalando
La turbina eolica di Renzo Piano cattura anche i venti deboli
Il gruppo d'acquisto su luce e gas
Lo scooter elettrico a propulsione pedestre
Armadillo-T, la mini auto elettrica da città
Il dosso artificiale che produce elettricità

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{bce}
Se si lascia una presa esterna non si può pretendere il "non uso". Se questa è disponibile solo per le persone autorizzate bisogna mettere un cartello eo una chiave d'accesso. Altrimenti sembra un "amo" per estorcere soldi ai pesciolini. Questo problema si porrà presto anche in Italia.
26-12-2013 17:26

Concordo pienamente...
16-12-2013 10:12

Ruba un pezzo di legno e ti chiamano ladro. Ruba un regno e ti chiamano duca.
16-12-2013 05:57

Eh già, concordo con amldc, in Italia se rubi 5 centesimi rischi di non farti solo 15 ore di galera (ed è assurdo), se rubi 5 miliardi sei sicuro che tutti ti plauderanno e diventerai un esempio da seguire... :twisted:
15-12-2013 14:06

@amldc Mi consentaaaa, devo darle tutte le ragioni di questo mondoo! :wink: Ciao
14-12-2013 23:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2002 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics