Skype, hacker violano il blog e l'account Twitter

L'Esercito Elettronico Siriano accusa il popolare software di spiare gli utenti per conto del governo USA.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-01-2014]

skype hacked

Si fanno chiamare Esercito Elettronico Siriano (SEA, Syrian Electronic Army) e sono un gruppo di hacker che sostiene il governo del presidente della Siria Bashar al-Assad tramite azioni di hackeraggio condotte in Rete.

Di recente, il SEA ha condotto due incursioni ai danni di Skype (di cui Microsoft è la proprietaria), accusato di agire quale spia al soldo del governo americano.

Uno degli obiettivi è stato l'account Twitter ufficiale di Skype, il servizio di proprietà di Microsoft.

Su questo account Twitter è apparso un messaggio - ora rimosso - che recitava: «Non usate le email di Microsoft (Hotmail, Outlook. Controllano i vostri account e vendono i dati ai governi»; seguiva un link al blog ufficiale di Skype, violato anch'esso.

Su quest'ultimo appariva il medesimo messaggio, insieme a un post che dichiarava: «Hackerato dall'Esercito Elettronico Siriano... Fermate lo spionaggio».

Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2204 voti)
Leggi i commenti (7)

Dopotutto, gli hacker siriano non sono i primi ad accusare i software di Microsoft di agire come spie per conto dell'NSA: sin dallo scoppio del Datagate è stato ipotizzato che Skype contenga una backdoor che permetta al governo americano di accedere a tutte le comunicazioni.

Dal canto proprio, Skype ha confermato gli attacchi ma ha anche rassicurato gli utenti, affermando di aver cambiato le credenziali utilizzate dagli hacker per l'accesso e sostenendo che nessun dato relativo agli utenti stessi è stato trafugato (né, peraltro, pareva questo lo scopo della violazione).

Skype hackerato blog
La violazione del blog di Skype
Skype hackerato twitter
La violazione dell'account Twitter di Skype

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Attacco hacker contro i media, colpito anche Repubblica.it
Tribunale UE, respinti ricorsi contro fusione Microsoft-Skype
Russia, l'ex KGB controllerà tutto il traffico Internet
Microsoft collaborava con i servizi segreti USA
Skype, i nuovi supernodi non servono a spiare
USA, così il governo spia gli utenti di Facebook, Google e Microsoft

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5170 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics