Harvard, catturato l'eco del Big Bang

Gli scienziati annunciano oggi la scoperta delle onde gravitazionali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2014]

harvard eco big bang onde gravitazionali

Quest'anno ricorre il cinquantesimo anniversario della scoperta della Radiazione Cosmica di Fondo, la radiazione residua prodotta dal Big Bang.

Per una felice combinazione, questo pomeriggio (per gli Stati Uniti) l'Università di Harvard annuncerà una «grande scoperta» che, stando alle indiscrezioni, si lega proprio al Big Bang: quella delle onde gravitazionali.

Previste a livello teorico dalla teoria della relatività generale di Albert Einstein, le onde gravitazionali permetterebbero di "osservare" l'Universo negli attimi immediatamente successivi al Big Bang, laddove invece la radiazione di fondo ci permette di risalire soltanto fino a 300.000 anni dopo il Big Bang.

Finora, le onde gravitazionali non erano mai state individuate. A riuscire nell'impresa sarebbe stato l'esperimento BICEP 2; si pensa che sia riuscito a misurarle indirettamente, come peraltro già avvenuto in passato.

Ovviamente, nell'attesa del grande annuncio promesso da Harvard, non possiamo fare altro che limitarci a questa ipotesi; se le cose stessero così - come spiega Paolo del Bernardis dell'INFN, «l'importanza della scoperta non sarebbe tanto nelle onde gravitazionali, quanto nella misura di un effetto così vicino al Big Bang».

Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1681 voti)
Leggi i commenti (10)

«Ciò sarebbe un risultato molto importante per la cosmologia perché permetterebbe di capire che è avvenuta un'espansione molto veloce dell'Universo» continua De Bernardis.

Intanto due diversi esperimenti, l'uno in Italia e l'altro negli USA, si stanno preparando a tentare di misurare direttamente un'onda gravitazionale: un avvenimento che non è mai accaduto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Papa Francesco e il Big Bang
Hawking: bosone di Higgs potrebbe distruggere l'Universo
MIT, la storia dell'Universo diventa un video
Dopo il Bosone di Higgs, il CERN si dedica all'antimateria
L'antimateria del CERN svelerà i segreti dell'Universo
La galassia più lontana mai scoperta
Foschia e nubi fredde permeano la Via Lattea
I gas primordiali che risalgono al Big Bang
Individuate le galassie più vecchie dell'Universo

Commenti all'articolo (1)

Congratulazioni! :D
17-3-2014 18:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6403 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics