Il ritorno dei tostapane volanti

Il glorioso salvaschermo torna in vita grazie alle tecnologie del web di oggi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-03-2014]

flying toasters

Tra le fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 - l'epoca di Windows 3.x, Windows 3.1, Mac OS 6 e OS/2 - i salvaschermo animati vissero il loro periodo di gloria.

Erano gli anni in cui i computer adoperavano monitor CRT, i quali soffrivano di un temuto difetto, noto come burn-in.

In pratica, visualizzando una medesima schermata fissa per lunghi periodi di tempo, poteva capitare che l'immagine si "fissasse sullo schermo" a causa dell'uso non uniforme dei pixel che essa provocava.

Nacquero così i salvaschermo, programmi che partivano in automatico dopo un certo periodo di tempo con lo scopo, per l'appunto, di "salvare lo schermo" dal burn-in.

Uno dei primi esemplari di questi software era abbastanza curioso; si chiamava Flying Toasters (letteralmente: tostapane volanti) e mostrava esattamente ciò che si può pensare mostrasse: dei tostapane con le ali che si muovevano lungo lo schermo.

Sondaggio
Qual è la cosa più importante per te in un sito Internet?
Estetica
Interattività
Contenuti
Usabilità
Gratuità

Mostra i risultati (2609 voti)
Leggi i commenti (10)

Oggigiorno i salvaschermo non hanno più l'importanza che avevano vent'anni fa, ma la nostalgia e il retrocomputing sono forze potenti.

Così Bryan Braun, uno sviluppatore di Washington, ha deciso di riportare in vita i tostapane volanti, ma adoperando le tecnologie di oggi e realizzando una versione da visualizzare nel browser.

È riuscito infatti a ricreare l'antico salvaschermo adoperando unicamente le animazioni CSS, pubblicando il risultato sul proprio blog, dove spiega anche il modo in cui c'è riuscito.

Chi volesse scaricare il codice scritto da Braun può fare un viaggio su GitHub, dove sarà accolto da una nostalgica grafica stile anni '90.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Pixel 2 XL flagellati da immagini fantasma da burn-in
Screensaver: dove trovare le immagini
Un po' di storia: il Kindle e i suoi screensaver
Screensaver per il Kindle
Televisori widescreen a rischio

Commenti all'articolo (5)

Veramente è presente come salvaschermo su Linux!!! :shock: :shock: :shock: Nota: Ancora oggi esiste il burn-in se non si usa uno "schermo piatto". [img:430e4805e3]http://i58.tinypic.com/2ekiqo6.jpg[/img:430e4805e3] Ciao Leggi tutto
6-4-2014 12:11

Nessuno si ricorda del mitico salvaschermo con i maccheroni che ballavano la macarena con tanto di musica? Guarda
4-4-2014 12:21

Figuriamoci, a quei tempi io avevo l'Amiga1200 ed il mio salvaschermo era favoloso, ipnotico, meditativo, altro che la robaccia alla Winzozz! :lol:
27-3-2014 20:52

A quei tempi non avevo nessun pc...il primo scree saver che ricordo è quello con le stelle...o quello con il labirinto, che mi facevano un po' girare la testa! :)
27-3-2014 14:59

Ai tempi era molto carino. Chi ricorda anche Johnny castaway ? :)
25-3-2014 22:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2256 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics