Il computer che si fa passare per un essere umano

E' il primo ad aver superato il test di Turing.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2014]

eugene goostman 600x338

Dopo decenni di computer con nomi del tipo HAL 9000, suona un po' strano credere che esista un supercomputer chiamato Eugene Goostman, prodotto del lavoro dei ricercatori russi Vladimir Veselov, Eugene Demchenko e Sergey Ulasen.

Eppure, proprio Eugene è riuscito in un'impresa che si è dimostrata finora impossibile ai suoi predecessori: superare il test di Turing.

Ideato dal famoso matematico britannico Alan Turing, il test è stato creato come un modo per stabilire se una macchina sia in grado di pensare.

In pratica, perché il test si possa dire superato, un computer deve essere scambiato per un essere umano da una persona che "chiacchieri" con esso (non di persona, ma digitando su una tastiera, così da consentire agli umani di mascherarsi da computer e viceversa).

Sabato scorso, durante un esperimento presso la Royal Society di Londra, Eugene è riuscito in questo intento con una buona (considerato com'è andata sinora) percentuale di successo: il 33% dei ricercatori scelti per capire se ci si trovasse di fronte a un uomo o a una macchina l'ha scambiato per un essere umano.

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2023 voti)
Leggi i commenti (21)

Per la precisione, è stato scambiato per un ragazzino di 13 anni: proprio il fatto che Eugene fingesse di essere un ragazzino e non un uomo adulto ha scatenato le critiche di alcuni ricercatori, sostenendo che questa differenza alterasse il significato del test, poiché si è portati a perdonare a un ragazzino la presenza di certe reazioni, o la mancanza di conoscenza su certi argomenti.

Se inoltre si considera che il ragazzino in questione era russo e usava l'inglese come seconda lingua, si capisce perché lo scienziato "ingannato" possa essere stato tentato di essere particolarmente indulgente.

In ogni caso, il risultato ha immediatamente scatenato l'entusiasmo degli appassionati di intelligenza artificiale e di semplici curiosi: chiunque infatti può chiacchierare con Eugene, dato che esiste un'apposita interfaccia web. Sfortunatamente, al momento in cui scriviamo non è possibile approfittarne a causa dell'elevato numero di collegamenti.

Al di là dell'entusiasmo per il primo computer che, in un modo o nell'altro, s'è fatto passare per un uomo, subito è nata anche una preoccupazione riguardante il cybercrimine.

Infatti i sistemi di rilevamento fino a oggi si basano sulla possibilità di distinguere esseri umani e bot; se questa differenza nei prossimi anni verrà a cadere, allora bisognerà muoversi per tempo e trovare nuovi sistemi per difendersi.

Vi invitiamo a leggere la seconda parte dell'articolo, in cui Paolo Attivissimo sostiene che il test di Turing non sia stato affatto superato.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
No, un ''supercomputer'' non ha superato il Test di Turing

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google, milioni per le tecnologie che leggono il pensiero
Nissan: l'auto che si guida da sola in vendita nel 2020
I cento anni di Alan Turing
Deep Blue batteva Kasparov 15 anni fa, il video di IBM
È morto il padre dell'Intelligenza Artificiale

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

Infatti mi sembrava un test molto poco credibile...
20-6-2014 06:17

Non ci riuscirai. E' contrario ai nostri piani per il futuro della Terra e perciò non te lo permetteremo. :P Leggi tutto
20-6-2014 00:03

Ecco, adesso dovrò ucciderti e distruggere ZeusNews. :( Mauro Leggi tutto
15-6-2014 03:20

Ma nooo! Il rettiliano è gomez! :lol: Zievatron potrebbe essere un vulcaniano metá umano...orecchie a punta e pettinatura a scodella! :P :P
14-6-2014 22:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia più complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2882 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 ottobre


web metrics