Heartbleed è ancora là fuori. Come difendersi

Troppi server sono ancora vulnerabili: così proteggiamo i nostri dati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2014]

heartbleed

Per quasi tutto il mese di aprile la vulnerabilità in OpenSSL nota come Heartbleed ha tenuto desta l'attenzione degli utenti di Internet.

Fatalmente, poi, la questione è scivolata in secondo piano, e si potrebbe essere indotti a pensare che nel frattempo tutti i server vulnerabili abbiano ricevuto la patch.

Quando Neel Mehta, di Google, ha scoperto il bug, i server che potevano essere violati erano oltre 615.000; dopo un mese, il numero era calato a circa 318.000, segno che per le meno metà degli amministratori di sistema s'era data da fare.

Si potrebbe pensare che ormai il numero di server ancora vulnerabili sia molto prossima allo zero; invece, stando agli ultimi rilevamenti, è ancora sopra i 300.000.

Il che, naturalmente, significa che l'applicazione delle patch ha subito un brusco arresto, ma anche che gli utenti non possono fidarsi di tutti i siti che visitano, indiscriminatamente.

Fortunatamente basta seguire tre semplici passi per ritenersi ragionevolmente al sicuro da Heartbleed.

1. Fare una lista dei siti visitati

Il primo è fare un elenco di tutti i siti web importanti utilizzati e di tutti gli account posseduti; è chiaro che la maggiore attenzione deve essere rivolta a quei siti che hanno accesso a dati sensibili, magari medici o finanziari.

Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1819 voti)
Leggi i commenti (10)

Consultare i segnalibri e la cronologia può aiutare in questa operazione.

2. Verificare quali sono i siti ancora vulnerabili

Una volta ottenuta la lista, il passo successivo consiste nel confrontarla con quella dei siti ancora vulnerabili tramite l'elenco pubblicato da CNET, i servizi come quello di LastPass o di Filippo Valsorda, o ancora con le apposite estensioni per Firefox o Chrome.

Il consiglio più ovvio a questo punto è evitare di adoperare quei servizi che ancora non hanno applicato la patch, e rimandare il cambio della password in questi siti al momento in cui la correzione sarà stata applicata.

3. Cambiare la password dei siti sicuri

Infine, per tutti quei siti che si sono preoccupati di applicare la patch, la mossa migliore è impostare una nuova password, possibilmente adoperando una password diversa per ogni sito e naturalmente scegliendo password sicure.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il fondatore di Microsoft ha chiesto all'UE di rendere più difficili gli ingressi in Europa ai migranti africani che cercano di raggiungere il continente attraverso le attuali rotte di passaggio. Sei d'accordo?
Sì.
No.

Mostra i risultati (1941 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 14 agosto


web metrics