Ooho, la ''bottiglietta'' commestibile: addio plastica

Le bottiglie del futuro sono biodegradabili e si possono anche mangiare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-08-2014]

ooho

Nonostante le campagne a favore dei riciclo, il problema dei rifiuti in plastica è ancora irrisolto.

La soluzione sarebbe abbandonare la plastica, passando a un materiale che sia biodegradabile ma anche economico; il problema sta nel trovare questo materiale.

Un candidato interessante e pensato per sostituire le bottigliette di plastica che usiamo comunemente per l'acqua è Ooho, un materiale ideato da Rodrigo García González, Pierre Paslier e Guillaume Couche; è stato ritenuto tanto innovativo da meritarsi un premio all'ultimo Lexus Design Award.

L'ispirazione per Ooho arriva dal modo in cui si formano le gocce d'acqua e dal tuorlo dell'uovo, che adopera una sottile membrana per separare il proprio contenuto dall'albume.

Similmente, Ooho è una membrana gelatinosa a base di alghe e completamente commestibile, realizzata tramite la tecnica della sferificazione: il risultato è un "contenitore" gelatinoso che racchiude il liquido.

Sondaggio
Qual è il peggiore tra questi scenari?
I genitori possono alterare il DNA dei loro nascituri in modo che siano più intelligenti (o più prestanti fisicamente).
Gli assistenti ai malati e i badanti delle persone anziane sono per lo più dei robot.
La maggior parte delle persone hanno impiantati dispositivi con sensori di vario genere.
Lo spazio aereo viene aperto ai droni personali.
Un altro (per cortesia inserisci un commento)
Non lo so

Mostra i risultati (2079 voti)
Leggi i commenti (23)

Il contenitore finito è formato da due membrane: una più interna, che racchiude l'acqua, e una più esterna, che avvolge e protegge la prima membrana.

Entrambe le membrane sono commestibili, anche se non hanno un buon sapore: dopotutto, sono realizzate a partire da alghe brune e cloruro di calcio. Gli ideatori di Ooho pensano però di poter mettere mano anche a questo problema.

Una "bottiglietta" Ooho ha un aspetto decisamente diverso da quello di una bottiglietta tradizionale: è infatti una sorta di sfera gelatinosa. È però già dotata dello spazio per inserire l'etichetta, che può trovare posto comodamente tra le due membrane senza contaminare l'acqua.

Le dimensioni si possono controllare a piacimento in fase di produzione, quando l'acqua si trova nello stato di ghiaccio mentre viene "confezionata" nella membrana.

Secondo i suoi creatori, Ooho è molto semplice da realizzare per chiunque: ognuno potrebbe crearlo nella propria cucina, come mostra il secondo video che riportiamo qui sotto.

ooho 2
ooho 3
ooho 4
ooho 5

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La plastica completamente biodegradabile e commestibile che sostituirà tutti gli imballaggi
Il coltello smart per tagliare il burro
Ripulire l'isola di plastica del Pacifico
La macchina che trasforma il succo di frutta in... frutta

Commenti all'articolo (5)

se è commestibile è biodegradabile, forse è questa la vera utilità? Non è detto che sia per consumo umano, ma se è digeribile qualcosa la mangerà di certo.
21-10-2014 15:47

Per ora, come usabilità e praticità, direi che è ancora abbondantemente preferibile la bottiglia di plastica, ritengo che questa "cosa", nella lunga storia di gomez, senza un'adeguata protezione, rischi di non arrivare nemmeno nel magazzino della fabbrica. Sicuramente hanno ancora da lavorarci sopra ma direi che il gusto non... Leggi tutto
24-8-2014 10:46

Ma non avete letto che CHIUNQUE può farsela in cucina da sè? :lol:
22-8-2014 10:04

{Paolo}
Ma no... la ricopriranno di un involucro di PLASTICA, per evitare che si sporchi :D
20-8-2014 09:26

Vediamo un po', una bottiglia passa per numerose mani in fabbrica e al riempimento, viene stoccata in magazzino, viaggia in camion, rimane a prendere polvere sul piazzale del super, poi rimane per un po' sugli scaffali e altre mani la pacioccano, viaggia nel baule della mia auto, passa qualche giorno nell'armadio delle scope e infine... Leggi tutto
20-8-2014 01:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2545 voti)
Luglio 2020
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Tutti gli Arretrati


web metrics