Mac OS X parla napoletano e siciliano

La versione 10.10 Yosemite supporta i due idiomi riconosciuti dall'UNESCO.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-09-2014]

os x yosemite napoletano siciliano

Siciliano e Napoletano; anzi, «Sicilianu» e «Napulitano»: sono queste due delle lingue supportate dalla prossima versione di Mac OS X.

Yosemite - questo il nome in codice di Mac OS X 10.10 - è stato rilasciato in beta pubblica alla fine del mese di luglio; chi ha avuto modo di provarlo ha così scoperto che il napoletano e il siciliano sono tra le lingue supportate.

La cosa non dovrebbe stupire: dopotutto, entrambi gli idiomi sono riconosciuti dall'UNESCO come vere e proprie lingue, e non come dialetto.

Ciò non vuol dire che immediatamente ogni menu, ogni software installato su OS X 10.10 saranno tradotti in napoletano o siciliano.

Semplicemente, il sistema sarà in grado di riconoscere i programmi che pongono queste due lingue tra le alternative supportate, e selezionarle se vengono indicate come lingue preferite dall'utente.

Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2690 voti)
Leggi i commenti (15)

OS X - come altri sistemi operativi - permette infatti di indicare l'ordine di preferenza per le lingue supportate. Generalmente il sistema utilizza come lingua principale, anche per le varie applicazioni installate e i siti web, quella del Paese in cui il computer viene acquistato, ma è possibile cambiarla; inoltre si possono indicare delle lingue secondarie, alle quali OS X si rivolgerà nel caso in cui la lingua principale non sia disponibile.

yosemite lingue 01
yosemite lingue 02
yosemite lingue 03

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il robot che capisce anche il dialetto
Eliminare i dati sensibili su Mac OS X in modo sicuro
Falle imbarazzanti anche in Mac Os X
Cifrare un disco esterno in OS X Mavericks
Un virus reale per OS X
Otto caratteri per mandare in crash un Mac
Installare Mountain Lion

Commenti all'articolo (3)

Mi sembra una cosa poco sensata e controproducente ma, soprattutto, i leghisti cosa ne pensano? :lol: Calderoli, Salvini & c. esigeranno subito anche le lingue veneta, lombarda ecc. per la par condicio!!! :lol: :lol: :lol:
4-9-2014 18:50

Questa notizia mi solleva il morale e la giornata! :roll: Viene quasi da pensare che ci sia un premio per tutti quelli che citano quella regione. Come giustamente fa notare il commento di Stefano qui sopra, che Italia conosco all'Unesco? A mio avviso andrebbero preservati tutti gli Idiomi perché sono parte fondamentale di ogni popolo... Leggi tutto
2-9-2014 11:24

{Stefano}
Ma all'Unesco che Italia conoscono? Il veneto, Il Romano o Il Toscano non sono per caso idiomi da preservare?
2-9-2014 09:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4254 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics