Cassazione: il software preinstallato può essere rimborsato

HP dovrà rimborsare 140 euro a un utente per il sistema operativo preinstallato sul PC acquistato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2014]

Fotolia 52956667 Subscription Monthly L

La Corte di Cassazione, con la sentenza 19161 della Terza Sezione Civile, si è allineata alla Corte di Giustizia europea rispetto al diritto dell'utente di avere un rimborso per il software non desiderato preinstallato sul PC.

La sentenza ha riguardato il caso di un PC prodotto da HP: l'utente si è visto riconoscere un rimborso di 140 euro.

La sentenza cosi' recita: "Chi acquista un computer sul quale sia stato preinstallato dal produttore un determinato software di funzionamento (sistema operativo) ha il diritto, qualora non intenda accettare le condizioni della licenza d'uso del software propostegli al primo avvio del computer, di trattenere quest' ultimo restituendo il solo software oggetto della licenza non accettata, a fronte del rimborso della parte di prezzo ad esso specificamente riferibile".

Sempre secondo la Cassazione: "Nell'accertata assenza di controindicazioni tecnologiche, l'impacchettamento alla fonte di hardware e sistema operativo Windows-Microsoft (così come avverrebbe per qualsiasi altro sistema operativo a pagamento) risponderebbe, infatti, nella sostanza, ad una politica commerciale finalizzata alla diffusione forzosa di quest'ultimo nella grande distribuzione dell'hardware (quantomeno in quella, largamente maggioritaria, facente capo ai marchi Oem più affermati)".

Tutto questo, secondo la Cassazione, provocherebbe "riflessi a cascata in ordine all'imposizione sul mercato di ulteriore software applicativo la cui diffusione presso i clienti finali troverebbe forte stimolo e condizionamento, se non vera e propria necessità, in più o meno intensi vincoli di compatibilità ed interoperabilità (che potremo questa volta definire tecnologici ad effetto commerciale con quel sistema operativo, almeno tendenzialmente monopolista".

Sondaggio
Cosa manca nel tuo notebook attuale e vorresti che fosse presente? Aggiungi eventualmente la risposta nei commenti.
Una maggiore risoluzione del display
L'uscita VGA
Un processore pi¨ veloce
Pi¨ memoria Flash
La possibilitÓ di utilizzare una batteria pi¨ capace
La porta LAN
Almeno una porta USB supplementare o una USB 3.0
Pi¨ memoria RAM
Il touchscreen

Mostra i risultati (1797 voti)
Leggi i commenti (18)

"Una evenienza a tal punto concreta da essere già stata fatta oggetto sotto vari profili di interventi restrittivi e sanzionatori da parte degli organismi antritust Usa e della stessa Commissione Ue".

Quella del rimborso per il sistema operativo preinstallato è un'antica battaglia che negli anni ha sempre visto vincere i (pochi) utenti che ci hanno provato, agendo per vie legali.

L'ADUC consiglia di procedere subito con una messa in mora, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, al produttore del proprio PC (o altro supporto in cui si trova già installato un software che non si vuole utilizzare). L'associazione mette a disposizione un facsimile da utilizzare per la messa in mora.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Class action contro Windows preinstallato
Amazon rimborsa Playstation 3 senza Linux
Dell rifiuta di rimborsare Windows: "E' gratis"
Al via la class action per il rimborso di Windows
Microsoft non rimborsa la licenza Windows? Condannata!
La class action contro Windows preinstallato
Rimborso Windows, richiesta accolta
Rimborso per Windows, Dell paga
Proseguono i rimborsi per Windows
Rimborsi Windows per un miliardo di dollari
Rimborso per Windows: si può anche con ME

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 28)

Ma raccontacela tutta la barzelletta gomez!! :lol: :lol: Credevo che ti fossi fumato il basilico insieme a mezza damigiana di vino! :wink: Certo che il tizio...ma chiedere a suo figlio di rimettergli su windows no? :shock:
18-9-2014 16:34

Come se fosse antani, naturalmente. :-P Ma la proniuncia lÓinax di linux viene da una vecchia battuta dell'assisenza tecnica che si Ŕ vista arrivare un tale con un pc, dicendo "mi ci rimettete su windows, che mio figlio ci ha messo su lÓinax, sý quella roba da acher che io non ce la voglio". :-) Mauro Leggi tutto
18-9-2014 11:43

Guardando in rete (un modello a caso disponibile sia con Win 8 che con Ubuntu) si nota una differenza di 70 - 80 euro. link[/url] Certo che a quanto pare alcuni modelli sono disponibili solo se si fa un acquisto on-line, e a me (e penso tanti altri) mi piace acquistare in negozio. Ed Ŕ tutto li il problema...la GDO ha prezzi buoni, di... Leggi tutto
17-9-2014 10:37

Certamente! Basta guardare i modelli che vengono venduti in versione con Win e versione senza ( = freedos). Qualche anno fa, se ricordo bene, la differenza era mediamente di 100 euro. Ora non ho idea se sia cambiata. Leggi tutto
17-9-2014 02:13

Ma dai! Mediamente l'utente che usa linux non Ŕ lo stesso che usa Windows...sa arrangiarsi! :shock: Ps: "lallerare il triuzio ... lÓinax" per tradurre questo che lingua devo mettere su google translate? =) Leggi tutto
16-9-2014 18:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6087 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 settembre


web metrics