Brevettata tecnologia per non far morire i torrent senza seed

Così anche i file più vecchi saranno sempre disponibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-09-2014]

brevetto seed torrent

Il protocollo BitTorrent è un sistema veloce ed efficiente per condividere i file in Rete.

Tuttavia, ha un punto debole: è ottimo per i file recenti, che hanno un gran numero di seeder (gli utenti che hanno scaricato il file e ora lo inviano agli altri) ma, se i seeder calano di numero fino a scomparire, il file stesso non è più disponibile.

Un aiuto per tenere in vita i torrent viene in maniera quasi inaspettata da AT&T: il provider ha registrato un brevetto che illustra due sistemi atti allo scopo.

Il primo sistema prevede che, alla richiesta di un file che non ha più seeder, il client possa contattare un altro tracker, nella speranza di trovare un nuovo peer che abbia il file completo.

Perché ciò avvenga, AT&T propone che si aggiungano della «informazioni di collaborazione», le quali saranno ottenute e condivise da ogni peer che si unisca a uno sciame.

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1867 voti)
Leggi i commenti (5)

Tali informazioni non serviranno solo a condurre i client verso altri tracker (una pratica non esattamente nuovissima: molti torrent oggigiorno indicano diversi tracker) ma anche verso i cosiddetti «peer dormient».

Si tratta di utenti che hanno già scaricato il file ma non agiscono più da seeder. La tecnologia di AT&T prevede che, in mancanza di tracker disponibili, il clienti invii una richiesta a questi peer dormienti affinché rimettano a disposizione il file: le «informazioni di condivisione», infatti, indicano che lo possiedono, anche se al momento non lo stanno condividendo.

La prima richiesta del brevetto risale al 2005, ma soltanto di recente il provider è riuscito a farselo riconoscere. Non è possibile sapere, tuttavia, se e quando la tecnologia in esso discretta troverà un'applicazione pratica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Mi ricorda la gestione della coda dei file condivisi di eMule: meno fonti ha un file, maggiore sarà la sua priorità. Leggendolo al contrario, di fatto è come se non condividessimo più i file con molte fonti, ed è una soluzione sensata secondo me. Ciao
25-9-2014 15:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2482 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics